closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Stupro di New Delhi, vendetta è compiuta

India. Pena di morte per rispondere all’emergenza stupri. Condannati in primo grado alla pena capitale i quattro violentatori di Jyoti

Manifestazione davanti alla corte di New Delhi in attesa della sentenza

Manifestazione davanti alla corte di New Delhi in attesa della sentenza

Nel primo pomeriggio di ieri il giudice della Session court (la Corte di primo grado nel sistema giuridico indiano) di New Delhi ha condannato alla pena capitale i quattro imputati accusati dello stupro e dell’omicidio di Jyoti Singh Pandey, la studentessa 23enne nota in India come Nirbhaya, «l’impavida». Non si tratta di una sentenza definitiva - ci sono altri due gradi di giudizio e la difesa ha già annunciato che presenterà ricorso - ma per l’India questa è la prima risposta della legge all’emergenza stupri nel paese. Il crimine risale al 16 dicembre scorso, quando sei uomini - tra cui...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.