closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Studenti e Lgbt+, in Turchia sono i movimenti la vera opposizione a Erdogan

Turchia. La testimonianza di Yildiz Idil Sen, trans curda e attivista, sulle manifestazioni che da mesi a Istanbul coinvolgono il campus di Bogazici e i gruppi Lgbt+: «La polizia affronta le proteste pacifiche con repressione e arresti di massa»

Una bandiera arcobaleno durante la protesta degli studenti di Bogazici

Una bandiera arcobaleno durante la protesta degli studenti di Bogazici

«Sono stata trattenuta in una protesta a cui ho partecipato e messa in cella per due giorni da sola. Alla fine dei due giorni, il procuratore mi ha rilasciato con la condizione di recarmi alla stazione di polizia per firmare, ogni giorno. Mi chiamo Yildiz Idil Sen e sono una donna trans curda». Yildiz vive e studia a Istanbul, frequenta il corso di studi Lgbt+ dell’Università di Bogaziçi ed è attiva nella lotta per i pari diritti di genere, oltre che membro del Congresso Democratico dei Popoli (Hdk). Si schiera con le forze filo-curde e della sinistra turca, contro le...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi