closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Strutture e improvvisazioni, omaggio a Bernstein

Note sparse. Gabriele Coen ha centrato in pieno il suo tributo al grande compositore. Nel disco brani noti estratti da «West Side Story»

Gabriele Coen

Gabriele Coen

Album che non passa «inascoltato» e non si consuma sentendolo: Gabriele Coen ha centrato in pieno il suo tributo a Leonard Bernstein. Del resto, come spiega il musicologo Stefano Zenni nelle note di copertina, sono importanti gli «elementi armonici e ritmici al centro del grande progetto di ‘musica americana’ che attraversa tutta l’opera» di Lenny. Coen (sopranista, clarinettista, compositore) vanta una trentennale carriera tra jazz e musica etnica, dai KlezRoym ad Atlante Sonoro, dai soundtrack per Emanuele Crialese ai recenti omaggi a Kurt Weill e John Zorn (produttore di due album del jazzista italiano). Nel cd c'è spazio per brani...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi