closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Strategie americane e costi nostri nella nuova guerra dei gasdotti

North Stream 2. Dai paesi europei 11 miliardi di dollari, insieme a Gazprom. La posta in gioco per gli Stati uniti, più che economica, è strategica

Il percorso del North Stream 2

Il percorso del North Stream 2

Mentre si affrontano in un duro scontro sull’impeachment del presidente Trump, Repubblicani e Democratici depongono le armi per votare al Senato quasi all’unanimità l’imposizione di pesanti sanzioni contro le società partecipanti alla realizzazione del North Stream 2, il raddoppio del gasdotto che attraverso il Baltico porta il gas russo in Germania. Ad essere colpite sono le società europee che partecipano al progetto da 11 miliardi di dollari, ormai realizzato quasi all’80% - altre fonti parlano del 92% -, insieme alla russa Gazprom: l’austriaca Omv, la britannico-olandese Royal Dutch Shell, la francese Engie, le tedesche Uniper e Wintershall, l’italiana Saipem e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi