closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Strage Usa di soldati siriani, bombe russe sopra Ghouta est

Siria. La coalizione colpisce forze pro-governative per difendere le Sdf, le stesse forze sotto attacco dell’alleato turco e ignorate. Ankara manda i carri armati a Idlib a sostegno dei qaedisti. Il sobborgo di Damasco target russo da quattro giorni: secondo le opposizioni sarebbero 200 le vittime civili

Una colonna di fumo si alza su Arbin, a Ghouta est, dopo un raid aereo del governo di Damasco

Una colonna di fumo si alza su Arbin, a Ghouta est, dopo un raid aereo del governo di Damasco

La Siria è una polveriera. La guerra data per conclusa morde come negli anni peggiori del conflitto: Ghouta est, il sobborgo di Damasco in mano agli islamisti, è sotto le bombe russe da giorni con il suo carico di vittime civili; Idlib è terreno di scontro diretto tra governo e galassia qaedista, con le truppe turche che da Afrin ne approfittano per un ingresso camuffato; e gli Stati uniti inviano i jet a compiere stragi di soldati siriani colpevoli di attacchi alle Forze Democratiche Siriane, non meritevoli però di identica «protezione» se a colpirli sono i bombardamenti dell’aviazione turca su...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi