closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Strage di bambini sulla spiaggia di Gaza, caso chiuso per Israele

Israele/Gaza. Due giorni fa la magistratura militare israeliana, a meno di un mese dal primo anniversario dell'inizio dell'operazione "Margine Protettivo", ha chiuso l'inchiesta interna sulla morte di Ahed, Zakaria, Ismail e Mohammad. Fu un "errore di identificazione". Ma i palestinesi porteranno il caso davanti alla Corte penale internazionale

Gaza city, 16 luglio 2014.Uno dei bambini colpiti dai missili israeliani

Gaza city, 16 luglio 2014.Uno dei bambini colpiti dai missili israeliani

I bombardamenti aerei devastavano la Striscia di Gaza già da dieci giorni e quel 16 luglio dello scorso anno non si parlava d'altro che dell'inizio dell'offensiva di terra che le forze armate israeliane davano per imminente. Ma era anche estate e faceva caldo, tanto. Alcuni bambini, cugini e fratelli della famiglia Bakr, avevano deciso di trascorrere quella giornata al mare tirando calci a un pallone e facendo qualche tuffo. Anche per dimenticare la strage che giorno dopo giorno insaguinava la Striscia. Si sentivano al sicuro sulla spiaggia di Gaza city, protetti dagli edifici degli hotel pieni di giornalisti stranieri. Nulla...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.