closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Strage del 2014, Madrid se ne lava le mani: morirono in Marocco

Annegarono 15 migranti respinti in mare dalla Guardia Civil. L’Avvocatura dello Stato chiede l’archiviazione per i 16 poliziotti indagati

È una fredda mattina del febbraio del 2014. Al ministero degli interni spagnolo siede Jorge Fernández Díaz, un fedelissimo di Mariano Rajoy, artefice delle cosiddette «cloache di stato» (una sorta di servizi deviati al servizio del Pp), implacabile responsabile delle politiche di «deportazione sommaria« dei migranti che riescono a penetrare nelle enclavi di Ceuta e Melilla: in sostanza, rimandare indietro i migranti senza identificarli o dar loro la possibilità di fare domanda di asilo, come impongono i trattati internazionali. Fino a quel giorno il Pp, al potere dal 2011 aveva negato l’esistenza di queste pratiche. Ma quel giorno un paio...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.