closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Strage bus di Avellino, chiesti 10 anni per l’ad di Autostrade

28 luglio 2013. La procura contro i vertici Aspi: scarsa manutenzione del viadotto. Di Maio: Castellucci se ne vada

Il recupero del pullman che il 28 luglio del 2013 precipitò dal viadotto Acqualonga dell’A16 a Monteforte Irpino (Avellino)

Il recupero del pullman che il 28 luglio del 2013 precipitò dal viadotto Acqualonga dell’A16 a Monteforte Irpino (Avellino)

Dieci anni di reclusione per omicidio colposo plurimo e disastro colposo: è la condanna chiesta ieri dal procuratore capo di Avellino, Rosario Cantelmo, per Giovanni Castellucci, ad di Autostrade per l’Italia, e altri undici dipendenti della società del gruppo Atlantia, controllato dalla famiglia Benetton. Sono imputati nel processo per la strage del bus in cui nel 2013 persero la vita 40 persone, precipitate dal viadotto Acqualonga dell’A16 Napoli-Canosa. Secondo la procura, gli esponenti di Autostrade sarebbero responsabili per la mancata manutenzione del viadotto, le cui barriere cedettero sotto l’impatto del bus, facendo precipitare il veicolo da 30 metri di altezza....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.