closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Storie di vita per creature ai margini

A teatro. Enzo Vetrano e Stefano Randisi in «Assassina» rileggono uno dei testi più belli di Franco Scaldati. Lo scontro fra l’assurdo e la quotidianità onirica della trama innesca una sorta di comicità agra

Enzo Vetrano e Stefano Randisi

Enzo Vetrano e Stefano Randisi

È successo a Franco Scaldati quel che, in altra misura, è stato per Eduardo. La morte del teatrante palermitano ha liberato un corpo di scritture teatrali che possono ora andare in scena in assenza del suo corpo di attore, da cui sembravano così imprescindibili. Affidarsi ad altri interpreti capaci anche di tradirle, che poi è la forma più alta di fedeltà all’autore. È il caso di Enzo Vetrano e Stefano Randisi che già qualche tempo fa si erano calati nei panni di Totò e Vicè, ultima incarnazione della coppia assunta a misura del teatrino quotidiano delle strade palermitane, e ora...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.