closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
ExtraTerrestre

Storie di olivi e di contadini resistenti

Puglia. Ulivicoltori pugliesi e cittadini si organizzano contro il decreto che per uccidere il batterio xylella impone pesticidi e l’abbattimento di migliaia di ulivi

L’ulivo, pianta mediterranea tra le più importanti, talmente potente da essere associata, nell’antica Grecia, alla dea Atena, la dea dell’intelligenza e dell’operare fruttuoso. Gli Spartani, narra Tucidide nella guerra del Peloponneso, per costringere gli Ateniesi assediati dietro le lunghe mura arrivarono a tagliare sistematicamente tutte le viti e tutti gli olivi nelle campagne dell’Attica. IN PUGLIA, IN QUESTI ULTIMI anni, con la scusa di un batterio, la «xylella fastidiosa», si sta arrivando al massacro di centinaia, migliaia di olivi secolari. Gli olivi sono l’oggetto di una aggressione su più fronti. Tra quelli da sacrificare per far posto al nascente Tap,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi