closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Rovesci d'Arte

Wojtyla, ma è così fondamentale?

Polemiche, attacchi e richieste di rimozione coatta

. La statua dello scultore Oliviero Rinaldi dedicata alla figura di Wojtyla era diventata un oggetto incandescente. Adesso è tornata al suo posto (è stata «scoperta» alla stazione Termini) in una specie di riaggiustamento «estetico»: il nuovo look riguarda soprattutto il volto di Giovanni Paolo II e il mantello che invece di essere aperto, a simboleggiare l’accoglimento della comunità cristiana (e divenuto poi un orinatoio en plein air), è piuttosto ripiegato. Un nuovo basamento in cemento corredato da cambiamenti dell’illuminazione conclude l’operazione di restyling. Il sindaco ha rassicurato tutti i cittadini che non sono stati spesi soldi in più perché le «modifiche» tecniche erano in qualche modo in previsione. Questo il fatto nudo e crudo. E questa la considerazione: con tutti i problemi che ha il patrimonio culturale italiano, la statua del pontefice e le sue vicissitudini non sono pretestuose, può diventare la «fattura» di Wojtyla un evento lacerante? O sfioriamo il ridicolo?