closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
losangelista

Via col Vento

windfarm2Nell’arcipelago fortemente privatizzato delle universita’ americane, i community college ricoprono il ruolo di portale di accesso “democratico” agli studi univeristari. Si tratta di piccoli college locali a finanziamento pubblico col mandato di garantire sia istruzione accademica che formazione professionale. Il Cerro Coso college e’ articolato in cinque campus snodati lungo la dorsale rurale dello stato da Yosemite fino all’hinterland settentrionale di Los Angeles con un corpo studentesco di 4000 studenti. Da quando ha inaugurato quest’ inverno un corso di formazione per tecnici specializzati in tecnologia eolica ha ricevuto in appena due mesi altrettante (4500) domande. Il corso viene offerto sul campus di California City a un tiro di schioppo dai candidi mulini a vento che punteggiano i canyon del Tehachapi Pass uno dei tre principali centri eolici californiani. “Siamo stati inondati di richieste di moduli di iscrizione” mi spiega Larry Board istruttore del corso, “abbiamo dovuto assumere due persone solo per rispondere alle mail”. Una misura delle dimensioni della crisi in California dove il tasso (ufficiale) di disoccupazione ha raggiunto il 10.3%. L’eolico e’  uno dei fulcri sia della riconversione energetica promulgata da Obama che per il progetto di ripresa spinto in California da Schwarznegger. Gli Usa hanno  da poco superato la Germania per percentuale di energia prodotta dal vento e col favore dell’amministrazione  Obama prevede un ulteriore raddoppio nei prossimi cinque anni; fra le pale che girano nel deserto californiano tira  aria di boom. Il primo gruppo di studenti (oltre ai giovani almeno la meta’ erano  recenti disoccupati in cerca di riqualifica) ha ricevuto il diploma l’altroieiri  e coi pezzi di carta recanti la foto di una turbina, il commiato del prof. Board: “siete l’avanguardia della nostra new economy”.