closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
in the cloud

Vendola sbarca a Piazzaffari

«La Lombardia è la regione più mafiosa d’Italia». Nichi Vendola affonda senza mezzi termini la “narrazione” leghista di un Nord laborioso e irenico immune da infiltrazioni criminali. E lo fa nello scintillante palazzo della Borsa di Milano, uno dei simboli dell’antica «capitale morale», come incipit della sua «fabbrica dell’Economia».

Una provocazione – e una constatazione giudiziaria – a cui il presidente lombardo Roberto Formigoni replica ad alzo zero, che dipinge il collega pugliese come «un miserabile sotto l’effetto di qualche sostanza». Un tossico in cerca di «visibilità nazionale». E se Vendola azzarda che «per fortuna non abbiamo visto nei tg i volti di Formigoni o Moratti accanto ai servizi sugli uomini di ‘ndrangheta che controllavano le Asl lombarde e facevano le loro riunioni negli ospedali», il governatore del Pdl replica augurandosi quasi la galera per il leader di Sel a proposito dell’inchiesta sulla sanità che ha coinvolto il suo ex assessore del Pd Alberto Tedesco.

Vendola non ci sta. «Reazioni così isteriche dimostrano che ho colto nel segno, Formigoni non mi dia lezioni di morale perché in Puglia io ho anticipato la magistratura e cambiato la giunta, lui ha dato solidarietà al suo assessore Prosperini finché questo non ha patteggiato e ammesso la colpa». Con un’altra stilettata al centrodestra Cl-Lega: «Se le pacchianate provinciali nel comitato dell’Expo le avessimo viste in Puglia o in Sicilia sono sicuro che sui giornali avremmo letto un’altra narrazione».

Non è l’ennesima puntata della lotta secolare tra nordisti e sudisti. «Non c’è nuova economia che non passi per la lotta alla mafia», rivendica Vendola dal palco. «Siamo venuti alla Borsa di Milano non per un atteggiamento mistico o con sudditanza psicologica. Entriamo nella pancia del capitalismo per cercare le tracce di una nuova cultura politica, quella che chiamiamo la ‘buona politica’».

Segni. Orme. L’appuntamento milanese è il primo di una serie a tema in giro per l’Italia. Organizzati non dal suo partito, Sel, ma dalle sue «fabbriche». I filmati intervista realizzati da quella milanese e i tre seminari organizzati da Vincenzo Cramarossa della «fabbrica-nazionale» a Bari raccolgono per un giorno i tanti nodi della crisi italiana. La comunicazione è istantanea, tutti i lavori vanno in diretta su Internet, twitter e i social network.

Per una volta, il nome di Berlusconi è del tutto assente dal dibattito. E un Cavaliere inesistente è un indizio che forse siamo già «oltre» anche se non si vede ancora l’approdo.

Vendola non lancia proposte precise. L’unica, non nuovissima, è tassare le rendite a livello europeo. E a Tito Boeri che in un workshop ha insistito sul contratto a «garanzie crescenti» sponsorizzato da Ichino e una parte del Pd, il leader di Sel replica indirettamente solo che «la soluzione al precariato non può passare per contratti individuali». Le cose da fare, del resto, sono infinite. Tanto più per un leader politico che dice di voler raccogliere «il meglio della sinistra, il meglio della civiltà liberale e il meglio della cultura cristiana».

La politica «o parla dei segni dello Zodiaco – acqua, terra, aria e fuoco – oppure è il semplice chiacchiericcio di qualche palazzo». Gli interlocutori chiamati a discutere sono davvero eterogenei. Marina Salomon e Pierluigi Celli, Antonio Campo Dall’Orto di Mtv e la nostra Roberta Carlini di Sbilanciamoci, un venture capitalist del web come Gianluca Dettori e Ivan Lo Bello della Confindustria siciliana, impossibile citarli tutti.

Il posto d’onore spetta però a Carlin Petrini, ipotetico ministro in un ipotetico governo Vendola. A proposito di narrazioni, «quella sull’agricoltura è a zero», esordisce il fondatore di Slow Food. Tre ministri diversi in tre anni lo dimostrano. «Non c’è tema più politico del cibo», concorda Vendola. Cultura, identità, tutela del suolo, memoria, innovazione, convivialità, gioia, conoscenza delle stagioni e della terra, relazioni tra luoghi e tra persone, un incontro tra produttori e consumatori che diventa co-produzione.

Petrini lo dice ai giovani presenti in sala: «Credetemi, il cibo sarà la vostra Woodstock, ritroverete il piacere e la felicità di essere voi stessi». Petrini è un vulcano di idee e di iniziative: orti scolastici (Slow food solo l’anno scorso ne ha aperti 400), mercati dei contadini in ogni città, incentivi alla filiera corta e a chilometro zero, moratoria sulla cementificazione dei terreni agricoli. Vendola rincorre: turismo rurale, un piano straordinario per il ritorno giovanile in agricoltura. Sottovoce, rispolvera l’esperienza dei kibbutz israeliani: «Comunità in grado di trasformare il deserto».

Tra una disputa sui prezzi delle carote (9 cent, ndr) e l’elogio della dieta mediterranea «qui più che alla fabbrica di Nichi sembra di stare alla fattoria», sbotta il moderatore Luca Telese.

Lo zodiaco scorre, e dopo i problemi della “terra” c’è l’acqua con i suoi referendum: «Il Pd ci risparmi la lezioncina che l’acqua è pubblica ed è il tubo che è privato, l’acqua non è una merce». E poi il fuoco dell’energia (diffusa e rinnovabile) e l’aria della condizione giovanile, forse il vero filo conduttore di tutti gli interventi. L’economia nelle teste di molti, qui, è quella «della conoscenza e della creatività».

«Se i giovani se ne vanno dall’Italia ci stanno dicendo che questo paese è morto. Il punto critico dell’economia sono i giovani – insiste Vendola – dobbiamo rompere il sortilegio per cui il mondo non si può cambiare. Possiamo o no entrare in un mondo nuovo?». La risposta è tutta da scrivere.

dal manifesto del 26 marzo 2011