closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
losangelista

USA: Matrimoni Gay alla Corte Suprema

La corte suprema si esprimera’ sui matrimoni gay fornendo fose l’epilogo alla spinosa questione che hanno auspicato entrambe le parti. L’annuncio e’ giunto venerdi’ a tarda sera e una sentenza potrebbe rappresentare la parola definitva sulla questione che da un decennio riverbera nella cultura, nella politica e nel diritto costituzinale americano. Nello specifico, la corte si dovra’ esprimere sul “doma” (defense of marriage act) legge promossa dai repubblicani che vieta al governo federale di riconoscere matrimoni celebrati in singoli stati fra persone dello stesso sesso e la a sentenza della massima corte californiana che ha invalidato la legalizzazione che era passata qui otto anni fa. La sentenza (non prima conunque di tarda primavera dell’anno prossimo) potrebbe risolvere una volta per tutte la questione come ha gia’ fatto per il soldati gay nell’esercito (ora  apertamente acettati nelle forze armate)  e rappresentare, come fu per la desegregazione razziale,  una conclusione giuridica a quella che molti considerano l’utima grande battaglia sui diritti civili, idealmente, si augura il movimento gay, eliminando una giurisidizione statale sui matrimoni tout cour. Allo stesso tempo i promotori dei diritti gay rischiano che una corte a solida maggioranza conservatrice possa invalidare le progressive conquiste fatte negli ultimi anni a livello statale. L’ultima quella nello stato del Washington dove da oggi cominceranno ad essere celebrati matrimoni “same sex” come decretato dal referendum popolare tenuto a novembre. Il tribunale  potrebbe comunque anche optare per una sentenza solo parziale e rimettere la giurisdizione ai singoli stati. In ogni caso una scadenza importante anche per capire il ruolo avra’ la Supreme Court nelo sviluppo del secondo mandato Obama.

Luca Celada