closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
losangelista

USA: Austerity Virtuosa

Detenuti pompieri in California

Detenuti pompieri in California

Esistono conseguenze “virtuose” della austerity? Ci pensavo sull’aereo bloccato sulla pista in attesa di decollo a causa della riduzione dell’organico dei controllori determinato dall’ultima tornata di tagli federali. Bella seccatura, ma le stesse riduzioni alla spesa hanno pur determinato un riduzione dell’osceno  bilancio del pentagono di $46 miliardi – impensabile in circostanze “normali”. Allo stesso modo molti stati americani hanno imposto limiti o considerato l’abrogazione della pena di morte non per un obiezione etica di coscienza ma per ridurre il gran costo di manutenzione dell’apparato della morte (carceri speciali, appelli, processi costituzionali). Care sono anche le prigioni in generale, soprattutto in un paese con piu’ di 2 milioni di detenuti e il piu’ alto trasso di carcerazione al mondo e in regime di crisi gli stati che negli ultimi decenni hanno costruito un ipertrofico sistema penale-industriale si trovano a non poter piu’ sostenere la spesa necessaria. In California la spesa pubblica per le prigioni negli ultimi 10 anni e’ aumentata del 436%   (allo stesso tempo quella per le universita’, per dire,  e’ scesa del 13%). Ma lo stato non e’ risucito lo stesso a tenere il passo con la crescita delle condanne in stragrande maggioranza per reati minori legati agli stupefacenti incappati nelle maxipene previste dalla “guerra alla droga”. Tutti sti prigionieri costano una fortuna da mantenere e non c’e’ inoltre stato modo di costruire nuove prigioni abbastanza in fretta per ospitarli tutti (pur con il boom delle carceri private) e cosi’ aumenta il sovraffollamento cronico – ben oltre i limiti ammessi dalla legge. Ora le corti federali hanno imposto che vengano rilasciati detenuti a sufficenza per alleggerire il carico e controvoglia (e contro il volere dell’infulente lobby delle guardie carcerarie) la California sta rilasciando migliaia di detenuti. Ci voleva la crisi per disfare alucni dei danni della futile “war on drugs”. Certo ci sono anche conseguenze impreviste. Con l’avvicinarsi della stagione dei fuochi, la protezione civile di Los Angeles ad esempio si e’ detta preoccupata per la prevista scarsita’ di detenuti disponibili per combattere gli incendi stagionali – di solito nella regione se ne usano fino a 5000 di “volontari” in tute arancione,  quest’anno forse bisognera’ attrezzarsi altrimenti. E’ la crisi, bellezza.