closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
FranciaEuropa

Un Mitterrand nel governo di Sarkozy

E’ la “preda” del nuovo governo di Sarkozy, che doveva essere rivelato domani mattina, ma il cui annuncio è stato anticipato alle ore 20 di stasera, dopo le fughe di notizie del pomeriggio:   Frédéric Mitterrand, scrittore, regista, produttore, ma anche nipote dell’ex presidente socialista François Mitterrand, sarà ministro della cultura. Sostituisce Christine Albanel, che era uno degli anelli deboli del governo uscente. Frédéric Mitterrand ha rovinato la sorpresa, perché ha organizzato ieri una festa di addio con i collaboratori di Villa Medici, a Roma, che dirigeva da un anno, scelto, già allora, da Sarkozy. Albanel incassa il colpo: “non sappiamo esattamente a che punto siamo, in realtà non filtrano molte cose – ha affermato nel pomerigio – ma considero che sia stato un onore essere qui, assumere queste responsabilità, che continuero’ a svolgere fino all’ultimo secondo”.

Frédéric Mitterrand non manifesta stupore: “Sarkozy non era stato ministro quando Mitterrand era presidente?” si chiede teatralmente. Come ministro della cultura, afferma, utilizzerà l’esperienza accumulata a Villa Medici, “molto utile”.   

images

Frédéric Mitterrand è conosciuto anche dal grande pubblico, per una serie di trasmissioni televisive sulle famiglie reali e il mondo dello spettacolo. Il primo commento dei socialisti: “Mitterrand è un cognome, non un nome”, per dire che Frédéric non è una vera “preda” a sinistra, poiché non ha mai appartenuto a questa area politica. Tra le novità del nuovo governo con otto nuovi ministri, più che un rimpasto dopo le europee del 7 giugno,  agli interni va l’amico di Sarkozy Brice Hortefeux, mentre l’ex titolare, Michèle Alliot-Marie sostituisce Rachida Dati, esiliata all’europarlamento, alla Giustizia. Christian Estrosi, sindaco di Noizza e deputato che ha appena presentato una legge per punire le bande (con il reato di associazione a delinquere, prima che ne abbiano commesso uno) ed è il padre del decreto che mette fuori le legge i passamontagna nelle manifestazioni,; è stato promosso all’industria . Frédéric Mitterrand dovrebbe incarnare la nuova ondata di “prede” di Sarkozy. Non c’è stata questa volta nessuna “apertura” a politici socialisti.