closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Poltergeist

Televisione alla cantonese

master-of-none

I cinesi all’estero non mangiano nei ristoranti cinesi che piacciono agli stranieri ed è noto che per mangiare la vera cucina cinese bisogna seguirli, ed entrare in luoghi dall’aspetto a volte decisamente lontano da quello di un ristorante. Le culture distanti dalla nostra tendono a modificarsi quando cercano di distribuire i loro prodotti attraverso industrie che diano grandi profitti. Sappiamo ormai bene in Italia che il nostro ristorante cinese preferito non serve vera cucina cinese, che la presentazione, il gusto e la presentazione dei piatti non corrisponde a quello che loro chiamano “cucina cinese”. E tuttavia crediamo che l’industria televisiva, quando produce ed esporta telefilm di grande consumo, ci stia trasmettendo quello che gli americani chiamerebbero un ritratto dell’America.

Ma anche se, di norma, non identifichiamo i personaggi della famiglia Soprano con l’americano tipo, né crediamo che Dexter sia il tipico abitante di Miami,quando guardiamo le sitcom abbiamo la sensazione di vedere vedere la vita quotidiana di una famiglia americana, come se la guardassimo nascosti nel loro giardino.
È innegabile che la farsa sia il genere più vicino, nelle intenzioni, della realtà, il genere con meno astrazione e valenza metaforica e la sitcom, una versione in pillole della farsa, tende a rappresentare dei tipi umani, più precisamente i componenti di una famiglia. Ci sediamo davanti al televisore e guardiamo quella che crediamo essere la vita della famiglia media americana, e non ci accorgiamo di trovarci in un ristorante cinese che offre in menù significative alterazioni sociologiche.
Le nuove sitcom, di successo infinitamente inferiore perché abbastanza lontane dalla farsa, mostrano con maggiore accuratezza, e a volte con sorprendente astrazione, la figura dell’americano. Senza MSG, con meno spaghettini alla piastra, accompagnato, e non sommerso, dalla soia.
I Love Dick, Master of None, Girls, sono alcuni degli esempi di questa nuova ondata di sitcom.