closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
in the cloud

Storie di gladiatori

Due ragazzi sulla trentina seduti a un tavolino. Ora di pranzo, tè freddo, bambini che escono da scuola.

Ragazzo tatuato 1: “Aho, l’altro giorno stavo a lavora’ e ariva quello che je piace fasse sculaccia’, lo conosci?”

Ragazzo tatuato 2: “No”

RG1: “Massì è famoso, un signore anziano, stavamo in 3-4 là davanti ar Colosseo, ariva, se guarda intorno e me dice: Te dò 50 euro se me prendi ‘n braccio e me sculacci. Era un masochista capito, uno de quelli che je piace fasse menà”

RG2: “Ma pensa te, gode a fasse menà dai gladiatori, davanti a tutti…”

RG1: “Allora j’ho detto ‘a bbello macché sei scemo! E me ne so’ annato. Quello me ‘nsegue  e me tira fuori n’artra piotta. Ho detto: ‘vabbè’. Poi me lo so’ messo sulle ginocchia culo all’aria e j’ho dato du’botte, c’avevo tutta l’armatura addosso,  nun ha fatto ‘na piega, s’è arzato, m’dato 150 euro e se n’è annato tutto contento. Ma sei sicuro che non lo conosci? Guarda che è famoso, lo conoscono tutti”.

RG2: “No, purtroppo nun l’ho mai visto. A me al massimo me so’ capitati i calciatori. Guarda, il giorno prima delle partite di Champions vengono tutti. ‘Na vorta è venuta tutta ‘na squadra… come se chiama… una contro cui giocava la Roma… Vabbé. Arrivano ‘sti dieci giocatori e se famo le foto. J’ho chiesto 20 euro a testa. Due piotte e poi me ne s’ho annato a casa. La giornata era fatta. Una volta è venuto pure Roney (sic), quello del Manchester”.

Roma, seduti a uno dei bar al Portico D’Ottavia, 24 maggio 2010, ore 13.54