closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Nuvoletta rossa

Somewhere in time: storie “indie” fra il tempo e lo spazio

'77 - Anno Cannibale: La copertina-citazione del Tanino Liberatore degli esordi © Comicon Edizioni

’77 – Anno Cannibale: La copertina-citazione del Tanino Liberatore degli esordi © Comicon Edizioni

Fra le sorprese più interessanti dell’ultima edizione di Napoli Comicon, la mostra e il volume realizzati dagli organizzatori per cerebrare il Settantasette, anno spumeggiante in tutti i sensi quindi anche nel fumetto europeo, ormai affrancato da modelli mainstream e pronto a spiccare il volo verso altezze siderali. In italia, a tenere alta la bandiera dei comics da strada pensò un gruppetto di sciammannati di stanza a Bologna: si chiamavano Pazienza, Scòzzari, Tamburini, Liberatore e Mattioli, e misero su una rivistina destinata a durare pochissimo ma a porre le basi per un luminoso futuro. ’77 anno Cannibale, questo il titolo del volume dedicato alla leggendaria rivistina (Comicon Editore, € 24,00) è allo stesso tempo catalogo, saggio e best of a fumetti: accanto a contributi firmati da ospiti di lusso quali Luca Boschi, Giorgio Lavagna, Sergio Brancato, Loris Cantarelli e molti altri ancora, la corposa pubblicazione ospita chicche introvabili come Tiamottì di Tamburini e Liberatore, Prixicel di Pazienza e Amami, Primo! di Scozzari. Doppia menzione d’onore per l’urticante scrittore e disegnatore bolognese, di nuovo in libreria con la nuova edizione del memoir Prima pagare, poi ricordare (Coconino/Fandango, € 18,50)