closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
FranciaEuropa

Sei razzista? L’assicurazione ti paga il premio

E’ un fatto di cronaca che fa riflettere sulla società in cui viviamo. Nell’ottobre  scorso, Jean-Paul Guerlain, 73 anni, ex “naso” dell’omonima grande marca di profumi e azionista della società fino al ’96, intervistato in tv sul profumo Samsara, aveva affermato: “mi sono messo a lavorare come un negro. Non so se i negri hanno mai lavorato tanto, ma insomma…”. Le reazioni sono indignate, contro questa affermazione razzista. Guerlain è ora di proprietà del megagruppo di lusso Lvmh, che pero’ non reagisce immediatamente. Sul web la casa di profumi Guerlain è messa sotto  accusa, si diffonde l’invito a boicottarne i prodotti. Sos Racisme, il Cran e  il Mrap minacciano di sporgere denuncia. In questo contesto, alcuni negozi Guerlain sono stati costretti a chiudere alcune ore in conseguenza dell’intervento di “brigate antinegrofobia”. Lvmh, che è una delle principali società del Cac 40 (cioè i primi titoli della Borsa di Parigi) e nel 2010 ha realizzato utili per 3 miliardi di euro, non lascia passare il “mancato guadagno” dovuto alla chiusura forzata a causa della contestaaione nei confronti delle affermazioni razziste del “naso” di Guerlain. Cosi’, Lvmh si è rivolta alla compagnia di assicurazioni Axa, per chiedere i danni del “mancato guadagno”, calcolati da Guerlain a 300mila euro. “Il pagamento è in corso” conferma Axa, per coprire il “pregiudizio finanziario” dovuto alle reazioni alle affermazioni razziste di Guerlain.