closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Rovesci d'Arte

Se la chiocciola va al Moma di New York

Non solo i grandi maestri del passato nelle sale dei musei. Da ieri anche la famosa chiocciola di internet, uno dei simboli più conosciuti al mondo, è diventata una «star». Quella lumachina dell’indirizzo email che ha cambiato il modo di comunicare di milioni di persone è entrata trionfalmente al Moma.

La @ del web è stata infatti acquistata dal celebre museo newyorchese che l’ha introdotta nelle sue collezioni.Scopo di questo ingresso nel tempio dell’arte (che apparentemente sembra una bizzarria) è espandere il concetto stesso di design. A rivelare il «colpo grosso» è stata Paola Antonelli, curatrice italiana del dipartimento di architettura e design. Che spiega così l’importanza del gesto: «Si abbandona il principio che il possesso fisico di un oggetto è il requisito necessario per la sua acquisizione. Gli stessi criteri di qualità, rilevanza e complessiva eccellenza condivisa da tutti gli oggetti del Moma si applicano ora a oggetti che non si possono avere perché sono troppo grandi come un Boeing 747, o perché sono nell’aria e appartengono a tutti e a nessuno». La chiocciola è ormai, con ogni diritto, una icona pop contemporanea.

  • 8fp

    Bisognerebbe dirlo agli amici di Slow Food. Lumaca per lumaca…