closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Napoli centrale

Scritte contro i rom di Ponte Riccio

 

Dopo la morte del 15enne rom Nicola Sejdovic nella notte di lunedì 21 maggio, ucciso da un colpo di pistola forse durante un furto in un bar nell’Agroaversano, e scaricato davanti all’ospedale San Giuliano ormai cadavere, pare che nell’area nord di Napoli siano comparse diverse scritte razziste. Più fasci meno rom, questo sarebbe stato impresso sulle mura di alcune scuole a Giugliano e non solo. Pubblichiamo il comunicato del Laboratorio studentesco 081 che ne ha dato notizia:  

 

“A Giugliano, dove nei giorni scorsi l’uccisione di un 15enne rom, sorpreso a rubare, è stata acclamata e festeggiata da alcuni esponenti dell’estrema destra locale, che hanno pensato di lasciare impressa sui muri della città e dei licei De Carlo e Cartesio la loro macabra soddisfazione per l’avvenimento suscitando comprensibile inquietudine negli studenti e nel corpo insegnanti. Ma non finisce qui: la stessa notte, sempre a Giugliano, sono comparse scritte sotto casa di uno studente dell’orientale, attivista antirazzista, con messaggi minatori e di intimidazione con tanto di nome e cognome, croci celtiche e svastiche.

La frase “ + Fasci – Rom” non è l’unica; sempre nella stessa notte sugli stessi muri sono comparse scritte che inneggiano al Duce e minacce agli studenti che da anni si impegnano sul territorio opponendosi alla devastazione ambientale ma anche alla propaganda di pulsioni razziste e fascistoidi.

Ancora una volta dobbiamo purtroppo constatare l’ignoranza di certe persone che in tempi di crisi non trovano nulla di meglio da fare se non propagandare odio e violenza.

Convinti che l’antifascismo al giorno d’oggi più che mai rappresenti un valore dal quale non si può prescindere nell’immaginare e costruire ogni giorno un mondo diverso, condanniamo gli episodi avvenuti a Giugliano, esprimiamo massima solidarietà agli studenti dei licei Cartesio e De Carlo e ai compagni colpiti dalle intimidazioni”.

 

  • bozo4

    Troppa immigrazione causa fascismo.

  • michele

    Indignati? meravigliati? ma purtroppo questi sono i risultati di una società povera. E la povertà produce “anche” odio e razzismo oltre alla solidarietà e all’amore. Senza scomodare l’antifascismo, che diventa ogni giorno di più una litania da recitare piuttosto che un valore. E poi ai poveri le “chiacchiere” non riempono la pancia.

  • francesca

    L’intolleranza causa il fascismo