closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
in the cloud

Quando Catricalà diceva: liberalizzazioni proibite

«Il referendum sulla privatizzazione del servizio idrico ha portato via con sé anche la liberalizzazione degli altri servizi pubblici locali, l’unica riforma pro mercato del governo Berlusconi».

Antonio Catricalà, nella sua ultima relazione al parlamento come garante Antitrust del 21 giugno scorso, ammetteva che dopo il referendum l’appalto ai privati di servizi pubblici locali potrebbe concretizzarsi solo «in caso di inefficienze e sprechi».

Il governo forse l’ha preso  in parola e ha cancellato il finanziamento al trasporto locale. Speriamo che il nuovo zar Antitrust Giovanni Pitruzzella voglia seguire l’esempio del suo predecessore  ed evitare la svendita dei beni comuni.

dal manifesto del 3 dicembre 2011