closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Rovesci d'Arte

Purtroppo niente da fare su Bondi

Con 314 no contro 292 sì (due gli astenuti) sono state bocciate alla Camera le mozioni di sfiducia nei confronti del ministro dei Beni culturali, Sandro Bondi. Il sogno si è infranto, ancora una volta. Non si crolla laggiù. I presenti al voto erano 608, i votanti 606, la maggioranza richiesta 304.
Grazie all’apporto del gruppo dei responsabili e cavancando l’onda delle assenze nelle fila dell’opposizione, il ‘no’ ormai, fin dal primo pomeriggio, era scontato. Prima della votazione, che si è svolta per appello nominale, il ministro si è difeso in aula e si è mostrato non più piagnucoloso ma ringalluzzito, sicuro di sé. Ha soprattutto accusato la sinistra,  sono stati i soliti “comunisti” a distruggere la cultura e a farne macerie. Nel tempo, il budget si è sempre assottigliato (colpa di tutta la sinistra) e l’unico baluardo contro  i beni che andavano in malora, è stato lui. Ma come non ha sempre affermato ossessivamente di non essere responsabile di niente? E ha dimenticato, nella foga dell’aula, le intercettazioni che in fondo lo chamano in campo… Non ha chiuso un occhio e anche due di fronte a cricche varie che facedvano man bassa di paesaggio e patrimonio? E non ha messo piazzato tutta la sua catena parentale, anche quella non di sangue, in posti di “lusso” dove i precari fanno la fila per andarsi a sedere anche solo per un semestre? Che operetta….

  • martino

    Niente da fare dite? INSURREZIONE GENERALE! Se aspettiamo questi deputati morti non ne usciremo mai!

  • mirko

    dell’arte in generale non gliene frega niente a nessuno…fidatevi.Io sono un artista che lavora da anni,mi reputo di buon livello e mai nessuno mi ha invitato spontaneamente ad una esposizione ufficiale….lo stato si interessa solo a prelevare tasse e fin qui è giusto..ma nel momento che un artista rimane senza contratto quindi disoccupato,nessuno interviene con una forma anche minima di sostegno…difendere gli artisti nei momenti di crisi sarebbe una cosa democratica….una forma d’arte!!