closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
losangelista

Pulp Tweet-tion

Pulp-Fiction--Uma

Da quando ha esordito con Killing Zoe nel 1993 Roger Avary e’ stato un autore “obliquo” capace di impiantare semi di originalita’ alla periferia di Hollywood con lavori come Rules of Attraction, adattato da Brett Easton Ellis e il Beowulf di Zemeckis che ha prodotto due anni fa. Ma la sua reputazione sara’ sempre legata alle collaboarazioni con Quentin Tarantino conosciuto quando entrambi lavoravano nello stesso famoso videonoleggio di Manhattan Beach. Con Tarantino Avary ha lavorato a Le Iene e True Fiction e soprattutto a Pulp Fiction di cui e’ lo sceneggiatore. Un paio di anni fa e’ stato responsabile di un tragico  incendente d’auto in cui e’ rimasta gravemente ferita la moglie ed ha perso  la vita un conoscente italiano, Andrea Zini di Modena, passeggero della macchina, schiantatasi contro un palo, che Avary stava conducendo in stato di ebbrezza.  A settembre e’ stato condannato per omicidio colposo a un anno di reclusione ed aveva cominciato a scontare la condannata in liberta’ controllata, fino alla settimana scorsa quando gli sono stati revocati i permessi ed e’ stato richiuso a tempo pieno nella prigione di Ventura a nord di LA. Le circostanze che hanno aggravato la sua pena non sono del tutto chiare ma circola voce che la ragione possa essere stata il fatto che lo sceneggiatore regista avesse cominciato a tenere un twitter-diario della sua esperienza penale. Il suo account di Twitter e’ attualmente protetto – questo articolo del Daily Breeze racconta il caso e ne riporta alcuni tweets.