closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
losangelista

Piromania Virtuale

L’ultimo numero di Artilley – “art-zine” di riferimento pubblicato a Los Angeles – dedica la copertina al caso curioso di Alex Schaefer i cui quadri si collegano all’attuale weltanschauung. Scahefer e’ un tradizionalista, dipinge ad olio e predilige la pittura en plein air – si distacca pero’ quanto a soggetti, virati recentemente su raffigurazioni di banche, prosaici edifici di agenzie in anonime periferie californiane, preferibilmente situate nella suburbia “topica” della San Fernando Valley. Ma nei suoi quadri gli uffici  della Bank of America, Chase, Wells Fargo e altri istituti attualmente agli onori della cronaca prendono fuoco, l’ordinaria tranquillita’ degli edifici  e’ avviluppata da vistose fiamme che si sprigionano dai tetti, stagliate sul placido cielo azzurro della California. Ma come racconta lo stesso Scaehefer, i quadri gli sono valsi le ripetute attenzioni delle autorita’, a partire dal giorno in cui stava ritraendo un’agenzia Chase su Van Nuys boulevard. La gente si soffermava a vederlo dipingere chiacchierando e facendogli domande e i compliment; fin quando non ha aggiunto le fiamme. Poco dopo sono arrivati due agenti della polizia con domande molto piu’ insistenti e meno di buon umore: odiava le banche? Era un terrorista? Pensava di distruggere la banca? Dopo aver postato l’incidente online Schaefer ha ricevuto un’altra visita degli agenti, questa volta a  casa con un secondo interrogatorio sulle sue intenzioni, la ragione dei quadri “incendiari” e se questi fossero programmatici. Le risposte dell’artista: terrosita? No. Odia le banche? No ma ritiene che in alcuni istituti di credito si siano recentemente tasformati in associzioni a delinquere particolarmente per il modo in cui hanno gestito i mutui subprime con le note conseguenze. Rifiutato l’accesso al suo studio i poliziotti non sono per ora tornati con un mandato di perquisizione, ma “l’attenzionamento” di Schaefer  spicca come prima inquisizione “iconoclasta” del LAPD, un indagine sulla  sospetta dolosita’ di incendi pittorici. Intanto i quadri stanno riscuotende enorme successo con collezionisti che evidentemnte ritengono in qualche modo attraenti quelle immagini e quelle fiamme.