closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lo scienziato borderline

Pericolosità del MUOS: Rapporto finale

Vedo spesso citato in questi giorni, parlando della pericolosità del MUOS, il sistema di armamenti statunitense in construzione a Niscemi, l’originale Rapporto redatto da Massimo Coraddu e me sui rischi del MUOS come consulenti del Comune di Niscemi.

Questo Rapporto ha senz’alro costituito un passo importante, dato che il Comune di Niscemi, lasciato completamente solo dall’intera comunità accademica siciliana, aveva contattato Massimo Coraddu e me in primavera del 2011 (formalizzando poi l’incarico con una lettera dopo l’approvazione in Consiglio Comunale nell’ottobre dello stesso anno, che abbiamo espletato a titolo gratuito).

Ma, a partire da allora, è stato costituito un gruppo di lavoro di otto scienziati, tecnici e medici (di cui quattro siciliani) che ha fornito studi e consulenze allo stesso Comune, all’ARS, alla Regione Sicilia, ritenendo comunque pubblico ed in particolare appartenente ai cittadini il proprio lavoro.

Il Rapporto Finale – evoluzione di quanto a suo tempo inviato alla Regione Siciliana – è disponibile in rete dal mese di luglio 2013, con successive modificazioni e integrazioni che continueranno, dato che il lavoro prosegue.

Tuttavia, lo si vuole pubblicare qui per mettere una sorta di “punto fermo”. E’ preferibile, rispetto al Rapporto originale del 2011, considerare quello pubblicato qui come riferimento.

Il Rapporto consiste in 152 pagine ed è scaricabile interamente a questo INDIRIZZO WEB.

Rischi connessi alla realizzazione del MUOS (Mobile User Objective System) presso la base NRTF di Niscemi. Relazione finale del gruppo di lavoro

Qui sotto se ne fornisce in assaggio la prima pagina con riassunto e conclusioni.

Una presentazione di 16 slides, utile a chi volesse utilizzarla a scopo di informazione, è stata presentata al Parlamento Italiano a Roma nel settembre 2013 ed è scaricabile liberamente qui:

PRESENTAZIONE: Rischi connessi alla realizzazione del MUOS (Mobile User Objective System) presso la base NRTF di Niscemi. Relazione finale del gruppo di lavoro

Il Rapporto è ora stato acquisito agli atti del Senato della Repubblica, in seguito ad una audizione avvenuta il 24 marzo 2014, ed ora sia il Rapporto (nel frattempo arricchito di alcune parti) che la Presentazione sono sul sito del Senato stesso:

Rapporto:

Presentazione:

Rischi connessi alla realizzazione del MUOS (Mobile User Objective System) presso la base NRTF di Niscemi. Relazione finale del gruppo di lavoro

Massimo Coraddu 1, Eugenio Cottone 2, Valerio Gennaro 3, Angelo Levis 4, Alberto Lombardo 5, Marino Miceli 6, Cirino Strano 7, Massimo Zucchetti 1

1 – Politecnico di Torino, consulente del comune di Niscemi

2 – Consiglio Nazionale dei Chimici

3 – Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro, Genova

4 – Università di Padova

5 – Università di Palermo

6 – Medico di Medicina Generale, Niscemi

7 – Medico di Medicina Generale – Referente Regionale WWF Sicilia per il MUOS

Riassunto e Conclusioni

I campi elettromagnetici (CEM) emessi fin dal 1991 dalle antenne NRTF a Niscemi hanno valori di poco inferiori, prossimi o superiori ai livelli di attenzione stabiliti dalla Legge italiana, come si evince da misurazioni effettuate da ARPA Sicilia negli anni, che sono in motivato contrasto con la recente campagna di misurazione effettuata da ISPRA. Sia per le antenne sia per il MUOS manca tuttora un modello previsionale atto a determinare la distribuzione spaziale dei CEM, come previsto dalla Legge. Valutazioni teoriche approssimate effettuate per il MUOS, seguendo la Normativa Italiana, indicano che il rischio dovuto agli effetti a breve e lungo termine del MUOS è rilevante e ne sconsigliano l’installazione presso NRTF Niscemi: effetti a breve termine dovuti ad incidenti, effetti a lungo termine dovuti ad esposizione cronica, interferenza con apparati biomedicali elettrici, disturbo della navigazione aerea. La procedura autorizzativa per il MUOS a Niscemi nel 2011 era completamente al di fuori delle prescrizioni della Legge ed è stata giustamente revocata. Ogni proponimento d ripresa dei lavori deve essere a valle dell’eventuale esito positivo di una nuova procedura autorizzativa. La letteratura scientifica recente conferma la sufficiente evidenza degli effetti dei CEM a lungo termine, soprattutto se si prende in considerazione quella indipendente e non viziata da conflitti di interesse. Il Rapporto del Verificatore del TAR supporta pienamente la sentenza che parla di priorità e assoluta prevalenza del principio di precauzione (art. 3 dlg. 3.4.2006 n. 152), nonché dell’indispensabile presidio del diritto alla salute della Comunità di Niscemi, non assoggettabile a misure anche strumentali che la compromettano seriamente. Il Rapporto dell’Istituto Superiore della Sanità, nelle parti riguardanti l’inquinamento chimico proveniente da Gela e lo stato di salute della popolazione, confermano l’assolta inopportunità della installazione del MUOS presso la base NRTF di Niscemi.


RAPPORTO COMPLETO:
https://drive.google.com/file/d/0B4zoX5HeBQpgNVN6X1BjTHpkaUE/edit?usp=sharing

MUOS montato a Niscemi

MUOS montato a Niscemi (foto di Fabio D’Alessandro)

  • Marco Manca

    Mi scusi professo Zucchetti ma non capisco: in quest’ultima relazione parla di “assoluta inopportunità della installazione” e di rischio rilevante, se si segue la normativa italiana. In quest’altra http://www.iss.it/binary/pres/cont/Allegato_MUOS.pdf che è comunque solo una nota integrativa, sembra lasciare più spazio all’incertezza ma sottolinea comunque che nuovi studi sui campi EM darebbero evidenza di avere effetti biologici e sanitari non previsti dalle attuali legislazioni. Infine nel rapporto completo dell’ISS del luglio 2013 pone la sua firma sulle conclusioni ” I livelli di campo elettromagnetico sono almeno due ordini di grandezza inferiori al valore di attenzione previsto dalla normativa italiana”. Ammetto di non aver letto completamente tutti e tre i rapporti (due dei quali parecchio corposi). Forse è questa la causa della mia confusione? Avrebbe due minuti per spiegarmi meglio queste apparenti incongruenze?