closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
FranciaEuropa

Nuovi diritti: lavorare durante il congedo malattia

E’ l’ultima idea di Frédéric Lefebvre,  portavoce dell’Ump, il partito di Sarkozy. Per movimentare una campagna elettorale per le europee un po’ smorta, Lefebvre ha presentato un emendamento alla legge sul “prestito della manodopera” tra aziende, in discussione in questi giorni, dove propone di dare un nuovo diritto ai lavoratori dipendenti: quello di lavorare da casa, grazie al telelavoro, anche quando sono malati o in congedo maternità. Ieri sera, l’emendamento è stato respinto in commissione, ma domani tornerà di fronte ai deputati (che dovrebbero respingerlo anch’essi).

Ma l’idea di Lefebvre è nell’aria del momento e dà un po’ di concretezza allo slogan che ha portato Sarkozy all’Eliseo: “lavorare di più per guadagnare di più” (che non ha potuto realizzarsi a causa della crisi). Per Lefebvre, un lavoratore che è in congedo malattia puo’ benissimo dichiararsi volontario per lavorare da casa, perché le sue capacità intellettuali non sono diminuite. Cosi’ puo’ mantenere lo stesso livello  di stipendio, mentre al tempo stesso l’azienda ci guadagna, con sgravi sui contributi. Per i sindacati, che oggi organizzano la quarta giornata di protesta dell’anno (con azioni diverse, non solo sciopero o manifestazioni), è una proposta “assurda”, che solleva inquietudini sulla tutela della salute sui luoghi di lavoro. Per il deputato socialista Alois Vidalies è semplicemente “allucinante”: si tratta di “un ritorno al XIX secolo”, di “una negazione del codice del lavoro, con la scusa del volontariato”.

  • http://www.eprestitionline.com/ Amedeo M.

    Ottimo lavoro veramente. Anche questo articolo, come altri del vostro blog, è davvero molto appassionante ed efficace. 😀

  • Anna Maria

    grazie