closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Rovesci d'Arte

Niemeyer, il papà centenario di Brasilia è grave

Il grande architetto brasiliano Oscar Niemeyer, all’età di 104 anni, è nato nel 1907, è ricoverato all’ospedale di Rio de Janeiro e versa in gravi condizioni. Ha avuto già molti ricoveri ma ha risposto sempre bene alle terapie. Ora, dicono i medici, il quadro clinico è complicato e il paziente è in dialisi.

Niemeyer negli anni Trenta collaborò con Le Corbusier e in quegli anni mise a punto le forme “organiche” dell’architettura in opposizione al razionalismo allora dominante. Nel 1942, realizzò una serie di edifici ricreativi che s’ispirano ampiamente all’espressivo stile architettonico barocco brasiliano.

Nel 1956 venne nominato consulente architettonico della Nova Cap – un organizzazione incaricata di realizzare i progetti di Lucio Costa per la nuova capitale del Brasile. L’anno successivo, capo architetto della Nova, progettò la maggior parte degli importanti edifici della città, quali il Congresso Nazionale, il Palazzo del Planalto, la Corte Suprema Federale, il Palazzo Arcos, la Cattedrale e il Museo Juscelino Kubitschek, pietre miliari del simbolismo moderno.

Niemeyer continuò a lavorare a Brasilia fino al 1964, quando la sua appartenenza politica al Partito Comunista lo costrinse ad emigrare in Francia. Alla fine degli anni ’60, con la fine della dittatura in Brasile, riprese a La sua ricerca è legata alle radici della sua terra e lo aiutò a elaborare nuove

Nel 2004 gli venne assegnato il Praemium imperiale per l’architettura, il più pretigioso riconoscimento del settore.

Qui sotto, un documentario bellissimo dove l’architetto di Brasilia si racconta. E’ già ultracentenario. http://www.youtube.com/watch?v=QIM3tXGV660&feature=related