closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
losangelista

Natale calibro Magnum

Benjamin Colton Barnes sfoggia i propri acquisti prima di usarli

Gli americani hanno speso il 4% in piu’ questo natale  rispetto all’anno scorso. Gli analisti si compiacciono dei dati incoraggianti sui consumi in pur modesta ripresa. Una categoria di shopping pero’ svetta sulle altre e registra una vera esplosione. Per la stagione dei regali gli Americani si  sono avventati sulle armi da fuoco per le quali la domanda e’ aumentata di ben 100% rispetto al 2010. Il calcolo e’ fatto sul numero dei controlli di sicurezza per legge obbligatori prima dell’acquisto. A dicembre ne sono stati effettuati 1,5 milioni con picchi a black Friday (130000) e il 23 dicembre quando 102000 ritardatari si sono precipitati dall’armaiolo di fiducia per acquistare il regalo last minute. Misura difensiva evidentemente di fronte alla dilagante criminalita’ – o forse no, visto che le statistiche confermano la costante diminuzione del crimine (media nazionale scesa ancora del 6%) attestato su minimi storici. Ma come avra’ pensato Mr. Barnes, sopra, il reduce squilibrato che l’altro giorno ha aggiunto il proprio nome alla litania di folle sparatorie  che affliggono il paese uccidendo una giovane ranger nel parco nazionale di Mount Rainier –  non si puo’ mai essere troppo sicuri.