closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lo scienziato borderline

MUOS: uno stop inevitabile

Era inevitabile. Nemmeno nel più nero degli incubi, quello di un’Italia completamente colonizzata e schiava del suo potente alleato americano, si poteva pensare di arrivare, senza che qualcuno a livello istituzionale si ribellasse, a costruire il sistema MUOS in Sicilia.

Ed a ribellarsi, oltre ai cittadini dei Comitati NOMUOS, che da anni lottano contro questa installazione, prevista nel comune di Niscemi, sono state le Istituzioni Regionali siciliane. Prima, l’Assemblea Regionale Siciliana ha votato all’unanimità una delibera che chiede alla Regione di revocare le autorizzazioni alla costruzione del MUOS, concesse lo scorso anno. Poi, diverse audizioni di esperti e tecnici, oltre che di rappresentanti dei Comitati, all’ultima delle quali, il 5 febbraio, anche io ho partecipato, nella mia qualità di consulente tecnico del Comune di Niscemi e coautore di un Rapporto che mette in evidenza i rischi del MUOS. Alla fine, la pressante richiesta dei Presidenti delle Commissioni e di tutta l’Assemblea Regionale, e – come è stato detto in quell’occasione – della Sicilia intera, ha convinto il presidente della Regione Crocetta ad avviare immediatamente le procedure per la revoca delle autorizzazioni, che sono state revocate oggi.

MUOS (da livesicilia.it)

MUOS (da livesicilia.it)

Nel comunicato della Regione, si citano la mancanza di indagini preliminari circa le interferenze del MUOS rispetto alla navigazione aerea dell’aeroporto di Comiso e l’assenza di studi sui danni arrecati alla salute dalle onde elettromagnetiche sviluppate dal sistema.

La stazione MUOS (Mobile User Objective System) di Niscemi fa parte di una rete mondiale di telecomunicazioni dell’esercito degli Stati Uniti, composta da altre tre stazioni simili (due negli USA e una in Australia) e da una flotta di satelliti. Quello Siciliano sarebbe il più importante snodo delle telecomunicazioni militari USA in Europa, Africa e Medio Oriente. I componenti principali sono tre grandi antenne paraboliche, del diametro di 18,4 metri, destinate a emettere microonde con una potenza di 1600 Watt ciascuna, orientativamente qualche centinaio di volte la potenza dei ripetitori per la telefonia cellulare.

Il sistema è necessario all’esercito USA vista la sempre maggiore quantità di dati per guidare i moderni sistemi d’arma, quali ad esempio i droni. Inizialmente previsto nell’aeroporto militare di Sigonella, il MUOS è stato spostato presso la stazione di telecomunicazioni militari US-Navy NRTF (Naval Radio Transmitter Facility) di Niscemi, a causa delle forti emissioni elettromagnetiche che comportavano rischi di interferenza e incidenti. In questa stazione già operano dal 1991, ad appena 4 Km dal centro di Niscemi, 46 grandi antenne militari. Alcune case si trovano a un chilometro o poco più dal confine del sito, e la zona è densamente popolata.

Da misurazioni effettuate dall’ARPA siciliana si può rilevare come già le emissioni delle antenne esistenti comportino, in alcuni casi, superamenti dei limiti stabiliti dalla legislazione italiana. Le emissioni del MUOS andrebbero quindi ad aggiungersi a queste. Appare perciò evidente che a Niscemi non era assolutamente proponibile aggiungere ulteriori emissioni di onde elettromagnetiche: se mai occorrerebbe – secondo la legge – intervenire per ridurre a conformità quelle già presenti.

Inoltre, questi non sono proprio più gli anni adatti per riempire l’aria – un altro “bene comune” – di onde elettromagnetiche. Le evidenze scientifiche riguardo i loro effetti nocivi hanno continuato ad accumularsi, ed in anni recenti vi è stata una vera e propria esplosione di lavori scientifici internazionali sull’esposizione prolungata a campi di intensità relativamente bassa (si veda una breve rassegna in fondo all’articolo, nella quale ho scelto gli articoli che si occupano più specificatamente dei radar, oltre ad alcuni riferimenti generali).

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha compiuto nel 2011 un primo prudente passo, riconoscendo le onde elettromagnetiche come possibili agenti cancerogeni per l’uomo. L’induzione di leucemie infantili non è oramai più messa in discussione, ma ora emergono decine di studi su tumori cerebrali, effetti neurologici e neurodegenerativi, abbassamento delle difese immunitarie, ed altro ancora.

L’accertamento rigoroso di tali effetti è un compito particolarmente difficile e richiede la realizzazione di complesse indagini epidemiologiche destinate, per loro natura, a protrarsi per anni. Per esempio gli studi che hanno accertato come le emissioni di Radio Vaticana a Roma abbiano provocato un incremento di casi di leucemia tra i residenti delle zone limitrofe (fatto sancito anche dalla condanna definitiva dei responsabili nel Febbraio 2011) si sono protratti per circa 10 anni.

L’ARPA Siciliana, sollecitata ad emettere un parere sulla pericolosità del MUOS, ha richiesto ai militari tutta una serie di dati e specifiche, necessari per una corretta valutazione: ma questi le sono stati negati opponendo il segreto militare. Si ripete un vecchio copione, lo stesso visto nei decenni per le tante basi militari, o per i sottomarini nucleari: la difficoltà o l’impossibilità delle autorità civili a esercitare le proprie prerogative quando si vanno a toccare zone o interessi militari di basi straniere, ovvero statunitensi.

In queste condizioni, ripetiamo, non era possibile rilasciare concessioni per la realizzazione di ulteriori dispositivi trasmittenti presso l’NRTF di Niscemi, anche vista la consistenza di altri rischi, quali ad esempio l’errato puntamento del fascio emesso, con possibilità in questo caso di gravi danni immediati alla popolazione, oltre al già citato disturbo alle comunicazioni aeree, per concludere con il danno paesaggistico e naturale, dato che il MUOS sorgerebbe nella Riserva naturale “Sughereta di Niscemi”, Sito di Importanza Comunitaria (SIC).

Il MUOS è quindi un progetto in violazione, formale e sostanziale, delle normative che riguardano la protezione della popolazione dall’esposizione alle emissioni elettromagnetiche: bene ha fatto la Regione Sicilia, sia pur con un certo ritardo – dato che la costruzione dell’impianto è, dopo 16 mesi, quasi ultimata – a revocare le autorizzazioni.

Ora non si può prevedere quale sarà lo scenario futuro: il MUOS è un progetto strategico per gli USA, e probabilmente il governo centrale italiano interverrà per sovrapporre la propria volontà (in favore del potente alleato) alle decisioni della Regione Sicilia. Ma c’è un fatto nuovo, imprevisto e del tutto inusuale per l’Italia: contrariamente ad esempio al caso del TAV, qui si trovano uniti in un fermo rifiuto all’opera non solo le associazioni, gli attivisti e le autorità locali (come i sindaci dei comuni più vicini), ma anche il governo e l’assemblea regionale, oltretutto di una regione con ampia autonomia come la Sicilia. Non sarà facile – né popolare, in tempo di elezioni – imporre il MUOS a colpi di decreti di militarizzazione.

Riferimenti:

IARC (International Agency for Research on Cancer) “Non-Ionizing radiation, Part II: Radiofrequency Electromagnetic Fields [includes mobile telephones]” Monograph 102 (2011);

“Documento congiunto dell’Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro (ISPESL) e dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) sulla problematica della protezione dei lavoratori e della popolazione dalle esposizioni a campi elettrici e magnetici e a campi elettromagnetici a frequenza compresa tra 0 Hz e 300 GHz”, 29 gennaio 1998, Allegato a Fogli di informazione ISPESL, IV, 1997, paragrafo 4.2, reperibile anche in rete dall’archivio elettronico ISPESL: http://www.ispesl.it/informazione/8039f.pdf

F. C. Garland, E. Shaw, E. D. Gorham, C. F. Garland, M. R. White and P. Sinsheimer, “Incidence of leukemia in occupations with potential electromagnetic field exposure in United States navy personnel”, American Journal of Epidemiology 132 (1990) 293.

F. D. Groves, W. F. Page, G. Gridley, L. Lismaque, P. A. Stewart, R. E. Tarone, M.H. Gail, J. D. Boice, G. W. Beebe, “Cancer in Korea War Navy Technicians: Mortality Survey after 40 Years”, American Journal of Epidemiology 155 (2002) 810.

Stanislaw Szmigielski, “Cancer morbidity in subjects occupationally exposed to high frequency (radiofrequency and microwave) electromagnetic radiation”, The Science of the Total Environment 180(1996) 9-17.

E. Degrave, B. Meeusen, A. Grivegnèe, M. Boniol, and P. Autier, “Causes of death among Belgian professional military radar operators: a 37-year retrospective cohort  study”, Int. J. Cancer 124 (2009), 945-951.

I. Yakimenko et al., “Long-term exposure to microwave radiation provokes cancer growth: evidences from radars and mobile communication systems”, Experimental Oncology 33,2 (2011) 62-70

O.J. Mollerlokken, B.E. Moen “Is fertility reduced among men exposed to radiofrequency fields in the norwegian navy?”, Bioelectromagnetics, 29 (2008) 345-352

The Bioinitiative Report, 2012. A Rationale for Biologically-based Exposure Standards for Low-Intensity Electromagnetic Radiation, http://www.bioinitiative.org/

Balode, Z, Assessment of radio-frequency electromagnetic radiation by the micronucleus test in bovine peripheral erythrocytes. Sci Total Environ 180(1):81-85, 1996.

Richter ED, Berman T, Levy O. Brain cancer with induction periods of less than 10 years in young military radar workers. Arch Environ Health. 2002 Jul-Aug;57(4):270-272.

Budinscak V, Goldoni J, Saric M, “Hematologic changes in workers exposed to radio wave radiation”. Arh Hig Rada Toksikol 42(4):367-373, 1991.

D’Andrea JA, Thomas A, Hatcher DJ, “Rhesus monkey behavior during exposure to high-peak-power 5.62-GHz microwave pulses.”,  Bioelectromagnetics 15(2):163-176, 1994.

Garaj-Vrhovac V, Gajski G, Pažanin , Arolić A, Domijan AM, Flajs D, Peraica M. “Assessment of cytogenetic damage and oxidative stress in personnel occupationally exposed to the pulsed microwave radiation of marine radar equipment.”, Int J Hyg Environ Health. 4(1):59-65, 2011.

Goldoni J, “Hematological changes in peripheral blood of workers occupationally exposed to microwave radiation.”,  Health Physics 58:205-207, 1990.

Goldoni J, Durek M, Koren Z, “Health status of personnel occupationally exposed to radiowaves.” Arh Hig Rada Toksikol 44(3):223-228, 1993.

Hanada E, Kodama K, Takano K, Watanabe Y, Nose Y. “Possible electromagnetic interference with electronic medical equipment by radio waves coming from outside the hospital.” J Med Syst 25(4):257-267, 2001.

Hardell L, Nasman A, Ohlson CG, Fredrikson M. “Case-control study on risk factors for testicular cancer.” Int J Oncol 13(6):1299-1303, 1998.

Hjollund NH, Bonde JP, Skotte J, “Semen analysis of personnel operating military radar equipment.” Reprod. Toxicol 11(6):897, 1997.

Holly EA, Aston DA, Ahn DK, Smith AH. “Intraocular melanoma linked to occupations and chemical exposures.” Epidemiology 7(1):55-61, 1996.

Jauchem JR. Effects of low-level radio-frequency (3kHz to 300GHz) energy on human cardiovascular, reproductive, immune, and other systems: A review of the recent literature. Int J Hyg Environ Health. 211(1-2):1-29, 2008.

Joseph W, Goeminne F, Vermeeren G, Verloock L, Martens L. “Occupational and public field exposure from communication, navigation, and radar systems used for air traffic control.” Health Phys. 103(6):750-762, 2012.

Miller SA, Bronson ME, Murphy MR, “Ultrawideband radiation and pentylenetetrazol-induced convulsions in rats.” Bioelectromagnetics 20(5):327-329, 1999.

Moszczynski P, Lisiewicz J, Dmoch A, Zabinski Z, Bergier L, Rucinska M, Sasiadek U, “The effect of various occupational exposures to microwave radiation on the concentrations of immunoglobulins and T lymphocyte subsets.” Wiad Lek 52(1-2):30-34, 1999.

Neshev NN, Kirilova EI, “Environmental-health aspects of pulse-modulated microwaves.” Rev Environ Health 11(1-2):85-88, 1996.

Richter E, Berman T, Ben-Michael E, Laster R, Westin JB, “Cancer in Radar Technicians Exposed to Radiofrequency/Microwave Radiation: Sentinel Episodes.” Int J Occup Environ Health 6(3):187-193, 2000.

Richter ED, Berman T, Levy O. “Brain cancer with induction periods of less than 10 years in young military radar workers.” Arch Environ Health 57(4):270-272, 2002.

Stang A, Anastassiou G, Ahrens W, Bromen K, Bornfeld N, Jockel KH, “The possible role of radiofrequency radiation in the development of uveal melanoma.” Epidemiology 12(1):7-12, 2001.

Weyandt, TB, Schrader, SM, Turner, TW, Simon, SD, “Semen analysis of military personnel associated with military duty assignments.” Reprod Toxicol 10(6):521-528, 1996.

Garaj-Vrhovac V, Gajski G, Pažanin S, Sarolić A, Domijan AM, Flajs D, Peraica M. “Assessment of cytogenetic damage and oxidative stress in personnel occupationally exposed to the pulsed microwave radiation of marine radar equipment.” Int J Hyg Environ Health. 4(1):59-65, 2011.