closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Popocatépetl

Muore il grande Monsi, Carlos Monsiváis

 

Lo scrittore Carlos Monsivais (archivio La Jornada)

Pittore vivace di vizi e virtù della società del suo tempo come Balzac, liberato sessualmente come Oscar Wilde, gattaro perso come Osvaldo Soriano, critico del potere come José Saramago, che lo ha preceduto di poche ore, Carlos Monsiváis, il più amato e popolare degli scrittori messicani, è morto sabato 19 giugno di fibrosi polmonare, dopo più di due mesi di terapia intensiva in una clinica di Città del Messico. Aveva compiuto il mese scorso 72 anni.
Nato il 4 maggio 1938 nel seno di una famiglia modesta nel popolare quartiere de La Merced, che ospita un famoso mercato nel centro della capitale, Carlos Monsiváis dimostra fin da piccolo una passione insaziabile per la lettura. Artemio de Valle Arizpe, un diplomatico e storico nella cui casa la zia di Carlos svolge mansioni di governante, ne è così colpito che presta al bambino avido di letture tutti i libri che vuole.
A otto anni Monsi, come oggi è amichevolmente conosciuto, ha già letto Omero, Virgilio e una montagna di classici. Ha sviluppato una memoria prodigiosa leggendo e rileggendo la Bibbia, con cui sua madre, fervida protestante, lo educa ai valori religiosi. E si prepara per i prossimi capitoli.
Monsiváis comincia a lavorare da adolescente: a sedici anni, grazie al suo talento, è già un cronista bambino che scrive reportage sulle manifestazioni politiche, conosce Frida Kahlo, Diego Rivera e i comunisti, diventa militante delle cause popolari. Studia economia e lettere e filosofia nella Unam, la prestigiosa università pubblica di Città del Messico, si politicizza e fa amicizie, comincia una feconda produzione giornalistica e saggistica che lo farà diventare uno dei più letti e celebrati cronisti della città.
Dotato di un’ubiquità leggendaria e di un’ironia esilarante, curioso e informatissimo, non c’è un personaggio, un fenomeno, una moda che siano scappati alla sua penna, anzi, alla sua macchina da scrivere, così percossa che “se la sua attività si fosse trasformata in elettricità”, secondo lo scrittore Juan Villoro,“avrebbe illuminato un città intera”.
Cinefilo e collezionista appassionato, Carlos Monsiváis, che ridicolizzava la presunta frontiera fra alta e bassa cultura, simpatizzava per gli zapatisti e, anche se era uscito dal partito comunista alla fine degli anni ’60, era rimasto un esponente della sinistra critica, aveva fondato quattro anni fa il museo dell’Estanquillo, donando alla città un’incredibile collezione di oggetti, foto, dipinti e arte popolare raccolti in più di mezzo secolo.
Se si dà una scorsa in internet alla stampa messicana – ma anche latinoamericana e spagnola – ci si rende conto della enorme popolarità e dell’affetto che suscitava questo “enfant terrible” della cultura messicana, che fu definito “la coscienza critica del paese”.
Di lui disse Octavio Paz:“E’ un nuovo genere letterario”.
“Monsiváis non è morto. Uno scrittore non muore, perché lascia la sua opera”, ha dichiarato da Londra Carlos Fuentes, che lo frequentava fin dai loro anni di studenti. Elena Poniatowska, sua amicissima di tutta la vita, ha detto che il miglior omaggio che si può fargli è leggerlo.
Purtroppo Monsiváis, che domenica ha avuto onoranze funebri degne di un re d’altri tempi, è stato poco tradotto in italiano ma, paradossalmente, potrebbe essere proprio la sua morte ad avvicinarlo al grande pubblico di altri paesi. Ometto la lista dei più di 30 riconoscimenti – fra premi letterari e dottorati honoris causa – che gli sono stati conferiti dal 1977 ad oggi e riporto (da Wikipedia in spagnolo) una bibliografia parziale.
Aggiungo anche un’intervista, in versione integrale, che gli feci per Il Manifesto (con la collaborazione di Maurizio Galvani) il 24 febbraio 2001 a San Cristóbal de Las Casas, alla partenza della famosa “marcha color de la tierra” che portò gli zapatisti a Città del Messico con una carovana attraverso tutto il paese. La presidenza di Vicente Fox era agli inizi, non aveva ancora compiuto i tre mesi e le aspettative erano altissime. Il successo che registrò la marcia zapatista – Marcos e i comandanti dell’Ezln furono accolti trionfalmente nello Zocalo l’11 marzo, la “comandanta” Esther parlò di fronte al Congresso il 28 marzo – non faceva certo presagire il tradimento della classe politica, che il mese dopo votò un’infame “ley indígena”, tuttora vigente, giudicata una legge truffa dalla società civile e dagli zapatisti.

la scrivania di Monsi

Bibliografia parziale
Cronache/saggi
• Días de guardar (1970)
• «Notas sobre la cultura mexicana en el siglo XX» en Historia General de México (1976)
• Amor perdido (1976)
• El crimen en el cine (1977)
• Cultura urbana y creación intelectual. El caso mexicano (1981)
• Cuando los banqueros se van (1982)
• De qué se ríe el licenciado (una crónica de los 40) (1984)
• Conferencias (1985)
• El poder de la imagen y la imagen del poder. Fotografías de prensa del porfiriato a la época actual (1985)
• Entrada libre. Crónicas de la sociedad que se organiza (1987)
• Escenas de pudor y liviandad (1988)
• El género epistolar. Un homenaje a manera de carta abierta (1991)
• El teatro de los Insurgentes: 1953-1993 (1993)
• Sin límite de tiempo con límite de espacio: arte, ciudad, gente, colección de Carlos Monsiváis (1993)
• Rostros del cine mexicano (1993)
• Por mi madre, bohemios I (1993)
• Los mil y un velorios. Crónica de la nota roja (1994)
• Luneta y galería (Atmósferas de la capital 1920-1959) (1994)
• Los rituales del caos (1995)
• Cultura popular mexicana (1995)
• Aire de familia. Colección de Carlos Monsiváis (1995)
• El bolero (1995)
• Recetario del cine mexicano (1996)
• Diez segundos del cine nacional (1996)
• Del rancho al Internet (1999)
• Aires de familia. Cultura y sociedad en América Latina (2000)
• Las herencias ocultas del pensamiento liberal del siglo XIX (2000)
• Las tradiciones de la imagen: Notas sobre poesía mexicana (2001)
• Protestantismo, diversidad y tolerancia (2002)
• Bolero: Clave del corazón (2004)
• «No sin nosotros». Los días del terremoto 1985-2005 (2005)
• Las herencias ocultas de la Reforma Liberal del Siglo XIX (2006)
• Imágenes de la tradición viva (2006)
• Las alusiones perdidas (2007)
• El Estado laico y sus malquerientes (2008)
• El 68, la tradición de la resistencia (2008)
• Apocalipstick (2009)
Testi biografici (cronache di vita e opera)
• Carlos Monsiváis (autobiografía) (1966)
• Celia Montalván (te brindas voluptuosa e impudente) (1982)
• María Izquierdo (1986)
• Luis García Guerrero (1987)
• José Chávez Morado (1989)
• Escenas mexicanas en la obra de Teresa Nava (1997)
• Salvador Novo. Lo marginal en el centro (2000)
• Adonde yo soy tú somos nosotros. Octavio Paz: crónica de vida y obra (2000)
• Novoamor (2001)
• Yo te bendigo, vida. Amado Nervo: Crónica de vida y obra (2002)
• Leopoldo Méndez 1902-2002 (2002)
• Carlos Pellicer: Iconografía (2003)
• Annita Brenner: Visión de una época (2006)
• Frida Kahlo (2007)
• Rosa Covarrubias: Una americana que amó México (2007)
• Pedro Infante: Las leyes del querer (2008)
Favola
• Nuevo catecismo para indios remisos (1982)
Libri in collaborazione
• Frida Kahlo. Una vida, una obra (1992) (con Rafael Vázquez Bayod)
• A través del espejo: El cine mexicano y su público (1994) (con Carlos Bonfil
• Parte de guerra. Tlatelolco 1968. Documentos del general Marcelino García Barragán. Los hechos y la historia (1999) (con Julio Scherer)
• Parte de guerra II. Los rostros del 68 (2002) (con Julio Scherer)
• Tiempo de saber (2003) (con Julio Scherer)
• El centro histórico de la ciudad de México (2006) (con Francis Alÿs)
• El viajero lúgubre: Julio Ruelas modernista, 1870-1907 (2007) / (con Antonio Saborit y Teresa del Conde)
• El hombre de negro (2007) (con Helioflores)
Antologie
• La poesía mexicana del siglo XX (1966)
• Poesía mexicana II, 1915-1979 (1979)
• A ustedes les consta. Antología de la crónica en México (1980)
• Lo fugitivo permanece. 21 cuentos mexicanos (1984)
• La poesía mexicana II, 1915-1985 (1985)
Traduzioni
• Mexican Postcards (1997) (trad. John Kraniauskas)
• A New Catechism for Recalcitrant Indians (2007) (trad. Jeffrey Browitt y Nidia Esperanza Castrillón)
• Obřady chaosu (2007) (trad. checo por Markéta Riebová)
Testi in libri collettivi
• Mitos mexicanos (1995) (Enrique Florescano, coordinador)
• Pasión en Iztapalapa (2008) (Laura Emilia Pacheco, coordinadora)
Bibliografia critica
• La conciencia imprescindible. Ensayos sobre Carlos Monsiváis (Jezreel Salazar (comp.), México: Fondo Editorial Tierra Adentro, 2009.
• El arte de la ironía: Carlos Monsiváis ante la crítica (Mabel Moraña, Ignacio Sánchez Prado, eds.), México: Era, 2007.
• La ciudad como texto: La crónica urbana de Carlos Monsiváis (Jezreel Salazar, Monterrey: Universidad Autónoma de Nuevo León, 2006.
• Acercamientos a Carlos Monsiváis (José Bru, Dante Medina, Raúl Bañuelos, comps.), Guadalajara, Jalisco: Universidad de Guadalajara, 2006.
• Nada mexicano me es ajeno: seis papeles sobre Carlos Monsiváis / Adolfo Castañón, México: Universidad Autónoma de la Ciudad de México, 2005.
• Carlos Monsiváis à l’écoute du peuple mexicain / Laura Brondino, Paris, Budapest: Torino: l’Harmattan, 2004.
• Carlos Monsiváis: Cultura y crónica en el México contemporáneo / Linda Egan, México: Fondo de Cultura Económica, 2004.

Carlos Monsivais balla con Elena Poniatowska

Intervista a Carlos Monsiváis (24/2/2001)

San Cristóbal de Las Casas – Cassandra della modernità neoliberale, Carlos Monsiváis è il critico più (d)istruttivo e divertente della società messicana. Saggista, scrittore e giornalista dotato di ubiquità, il Monsi – autore di Catecismo para indios remisos, Los rituales del caos e Aire de familia – ha da decenni le chiavi del Palazzo, ma continua a tirare sassate alle finestre. Una sua rubrica settimanale sul quotidiano La Jornada, intitolata Por mi madre, bohemios, è un’esilarante raccolta, finemente chiosata, del bestiario dichiarativo nazionale.
Prima ancora dell’apparizione dello zapatismo, Carlos Monsiváis era già tutto un esperto nel mettere la borghesia messicana davanti allo specchio. Nella sua ultima intervista al subcomandante Marcos, un paio di mesi fa, il Monsi, che definisce il sup “un personaggio duttile, intelligente, con facilità di scrittura e senso del humor”, scrive:”Comunque lo si giudichi, Marcos è uno dei grandi interlocutori della società messicana e, in misura significativa, di altri settori internazionali.”
Sabato scorso, subito dopo l’arrivo degli zapatisti a San Cristóbal – e dopo la grande manifestazione in loro onore, che ha raccolto più di 20mila persone – abbiamo conversato nel ristorante ‘El tizón chiapaneco’, mentre aspettavamo una quesadilla.

Come le è sembrato l’inizio di questa “marcia della dignità, marcia del colore della terra”?

“Purtroppo oggi la disorganizzazione ha avuto effetti anticlimax. L’atto doveva cominciare quattro ore prima, si sarebbe dovuto informare la gente del motivo del ritardo, che era perché non arrivavano ancora tutti i gruppi indigeni. Ma, a parte questo, è stato un atto breve, ben disegnato e il discorso di Marcos intelligente e letterariamente molto riuscito. Ciò che afferma all’inizio della marcia ha molto senso. Dopo quasi due secoli di indipendenza, il Messico continua ad essere un paese molto razzista e il movimento dell’Ezln è il primo grande movimento antirazzista nazionale. E’ molto importante quindi che Marcos imposti il tema con tanta chiarezza e usi la metafora del colore della terra per segnalare la diversità e la varietà che devono trionfare. In questo senso, la marcia zapatista è la prima grande marcia antirazzista nella storia del Messico e questo mi sembra molto importante.”

Come valuta questi primi tre mesi del governo Fox?

“Non c’è molto da dire, ma non si avverte che capisca molto i problemi. Non è certamente uno statista nel senso tradizionale, è un uomo che deposita tutta la sua fede nel marketing e nei sondaggi d’opinione. Ha un’enorme popolarità, effettivamente, e si informa solo di quello che gli interessa. E fra le cose che gli importano di più ci sono appunto le inchieste. Finché la sua popolarità continua ad essere indiscutibile, non avrà problemi.”

E come spiega l’alto livello delle simpatie?

“Con l’orrore che era il Pri. Il Pri arrivò ad essere tanto deprimente e a sbarrare talmente la strada – impedendo lo sviluppo di una classe politica, fomentando la corruzione come legame interno delle relazioni sociali, reprimendo, mentendo, adulterando, ecc. – che qualsiasi cambio sarebbe stato accolto con allegria. Fox aveva qualità personali – ha un aspetto vigoroso, dà un’impressione di potere, di forza – e il suo discorso era molto povero, ma si pensava che fosse per le necessità di campagna. Poi è finita la campagna elettorale, e il discorso è diventato ancora più povero.”

A che attribuisce la sconfitta elettorale e il grave ridimensionamento della sinistra, in particolare del Partido de la Revolución Democrática?

“La sconfitta se l’è cercata. In primo luogo, il Prd si è diviso, non ha saputo approfittare dell’impulso per costruire un programma, non ha pensato la realtà, ha consumato le formule, non ha saputo misurarsi quando è arrivato al governo della capitale. Ha dimostrato la stessa fame di potere dei priisti. Credo che la sinistra è stata battuta soprattutto perché non ha saputo proporre nessun leader forte.”

Non era un po’ consumata la figura dell’ingegner Cuauhtémoc Cárdenas, che si presentava per la terza volta?

“Non ce n’era altra. Un altro candidato sarebbe stato ancora più povero, il risultato sarebbe stato ancora più triste. Quello che è successo alla sinistra, in sintesi, è che, in primo luogo, non ha saputo costruire un pensiero post-1989. Secondo, si è divisa in maniera strepitosa. Terzo, non ha saputo approfittare delle esperienze di governo, basta vedere il fiasco nell’amministrazione della capitale. Quarto, si è modernizzata malamente, mentre la destra si è modernizzata in maniera molto più efficace. Quinto e ultimo, non ha capito la proposta dello zapatismo. Questo perché la sinistra messicana non ha mai avuto una posizione sulla questione indigena, mai. Per tutto il XX secolo, è stata una sinistra che non ha dato importanza alla questione indigena, salvo nel periodo del presidente Lázaro Cárdenas (1934-40). Però, dal 1940 ad oggi la sinistra messicana non ha avuto alcuna prospettiva indigena e si è troppo centrata sulla critica al capitalismo senza offrire veramente niente, se non luoghi comuni. Tra l’altro, molta dell’eredità del Prd viene dal partito comunista: gente molto nobile, molto sacrificata, ma dogmatica, stalinista, incapace di pensare le cose.”

Non ho mai capito perché lei è così anticastrista…

“Perché per la sinistra messicana Fidel è il peggior esempio: un uomo da 42 anni al potere, che non cede in nulla, che non permette alla dissidenza di esprimersi, che persevera nell’idea che il partito unico è la soluzione e che ha prodotto un disastro economico – e non per l’embargo… Io sono d’accordo che l’embargo è abominevole, che il governo nordamericano e la Cia sono una disgrazia, il grande nemico dell’America latina, ma l’embargo non giustifica una politica economica così disastrosa, non giustifica la monocoltura, né l’inettitudine della burocrazia.”

Non gli riconosce neanche il merito di avere affrontato il colosso del Nord?

“Ha affrontato il colosso ma poi si è dedicato a deificarsi in vita e tutti i successi ottenuti nella salute e nell’educazione non sono più tali. I dati sanitari che riceviamo in Messico sono terribili. E poi c’è una quantità di gente che se n’è andata, il meglio della letteratura cubana vive in esilio. Ora c’è una nuova generazione, ma tutto quello che vogliono è andare fuori. Non riesco a capire perché il Prd continua ad appoggiare Fidel Castro. Che ottiene dichiarandolo un eroe, se non mostrare che la sua strada in fondo è stalinista?”

Come si definirebbe ideologicamente?

“Bueno, mi considero di sinistra… Sono stato nel partito comunista fino al 1960. I fatti d’Ungheria mi causarono molti problemi, allora tentammo una critica e fummo espulsi. Attualmente mi definirei di sinistra liberale con una vena anarchica.”

Come vede l’attuale strategia del governo Fox con gli zapatisti, non le sembra un po’ confusa?

“A me sembra che Fox vorrebbe sinceramente firmare la pace, ma non sa come né ha la minima idea del problema indigeno. Credo che non abbia il controllo della situazione. La mia impressione è che nel suo governo c’è una confusione tremenda. E riuscire a scippare la marcia a Marcos è molto difficile, direi impossibile. Con tutti i concerti possibili nello stadio Azteca e per quanto dica che è disposto a giocarsi la presidenza pur di appoggiare la marcia, non credo che riesca a togliere la bandiera all’Ezln. Quello che è sicuro è che Fox ha fornito una piattaforma unica all’Ezln.”

In che senso?

“Accettando la marcia, gli ha dato un’opportunità propagandistica, politica e ideologica straordinaria.”

Esclude che riuscirà ad appropriarsi dell’evento?

“L’intenzione di Fox e i suoi discorsi sono due cose distinte. La comprensione che ha il governo Fox della questione indigena è praticamente nulla.”

Ma lei ha detto che non ha il comando…

“No, non ho detto questo. Lui ha il comando, ma non ha la capacità di evitare che coesistano politiche differenti. Non ha la concentrazione del comando. E’ indubbiamente un capo, ma non prende tutte le decisioni.”

Lei crede che abbia il controllo totale delle forze armate? L’oppressione militare che continua sulle comunità indigene del Chiapas è fomentata dalla presidenza o viene dal proprio esercito?

“No, non è né calcolata né sfugge al controllo. Sono cose che stanno lì, che erano già lì e Fox non ha ancora avuto il tempo di sapere di che si tratta. Ma l’esercito gli darà retta, di questo sono sicuro. Non ci saranno atti di insubordinazione, ma Fox ha bisogno di sapere cosa sta succedendo, non credo che lo sappia ancora.”

Che avvenire si intravede?

“Non vedo un grande futuro, sono abbastanza pessimista. Credo che questo progetto del changarro (si riferisce al progetto di Fox di finanziare il microcommercio per integrare gli indios all’economia, ndr) si preannuncia un disastro. Non credo che ci sia la forza economica per resistere a una recessione nordamericana e la prossima riforma fiscale con tutta probabilità precipiterà la crisi. Il sistema educativo è allo sfascio, quello che è successo all’Unam è stato terribile. La situazione dell’agro è catastrofica. Vedo una borghesia che si è mangiato quello che restava del paese ma non vedo come si possa pensare in un avvenire nazionale. Se mi domandano del futuro della borghesia, mi sembra straordinario, ma quello del resto del paese no. Ai borghesi gli è andata una meraviglia, a partire da Salinas hanno guadagnato come non mai, si sono arricchiti. E’ una borghesia fondamentalmente stupida e molto reazionaria, con una visione molto corta e molto sottomessa al clero.”

E che Messico le piacerebbe vedere, invece?

“Diverso da quello che pronostica Vicente Fox, completamente diverso.”

E parlando più al personale?

“Come giornalista, cerco di vedere dove vanno le cose e vedo grandi segni di tolleranza, vedo avanzare tendenze e attitudini che sarebbero state impensabili dieci anni fa. I gays e le lesbiche hanno ottenuto non tanto una presenza, quanto un riconoscimento indiretto enorme. Tutto quello che si credeva del gran potere della Chiesa cattolica sulle coscienze, al momento di comprovarlo si vede poi che è minimo, tranne che sulle coscienze della classe dirigente. La Chiesa ha perso la capacità di fomentare una società intollerante. La società messicana in termini generali non è più una società intollerante, ma la classe dirigente della società messicana è molto intollerante. Mi interessa testimoniare questo processo.”

E’ vero che si sono aperti degli spazi alla libertà di informazione, ma come spiega un fenomeno come quello di TvAzteca, che bombarda senza sosta l’opposizione…

“La televisione era considerata il gran ridotto della censura e questo non è cambiato, però allo stesso tempo Televisa fa sforzi per dimostrare che non è più la stessa. Ma su questo non posso pronosticare niente, bisogna vedere quello che succede l’anno prossimo. Intanto, è un momento che potremmo definire di insuccesso dell’intolleranza e di successo dell’intransigenza della destra. Possono sembrare due cose contradditorie, ma si stanno producendo.”

Mi riferivo a TvAzteca come a un caso di associazione a delinquere…

“Sì, ma non mi sembra che abbia molta influenza. Occupa tempo d’attenzione, è vero, ma non mi pare che la tv abbia grande influenza adesso. L’influenza sulla società ce l’ha il movimento stesso della società. I talkshow hanno provocato attualmente una grande discussione, in parte perché sono mostruosi però in parte anche perché non si era mai dibattuta la questione sessuale con una tale libertà.”

Sebbene lo avesse incontrato in altre occasioni, quella di fine anno per La Jornada era la sua prima intervista al subcomandante Marcos?

“Sì, è stata la prima. E’ un uomo molto intelligente, molto rapido, che assimila una quantità enorme di informazione giornaliera e che ha bisogno della pace, perché le comunità non possono più sopportare la situazione della guerra di bassa intensità e perché lui ha bisogno di comunicare con l’esterno in modo molto più chiaro. Non ha scoperto solo di poter essere un partigiano della pace, credo che stia scoprendo di poter essere un grande leader politico. Non in questi termini, ma lo sta scoprendo.”

Sugli sviluppi dello zapatismo…

“E’ destinato ad avere molte ripercussioni sul mondo indio, lo zapatismo è una causa strettamente indigena, non può uscire di lì…”

Ma sembra attirare attenzione e simpatie un po’ da tutto il mondo.

“D’accordo, ma in Messico è una causa indigena. Marcos può essere un dirigente nazionale, ma lo zapatismo sarà sempre una causa indigena.”

Perché dice questo?

“Per la struttura. E’ uno sviluppo diverso. Per esempio, lo sviluppo delle donne è stato più rapido di quello degli uomini. Le donne indigene delle comunità in questi anni si sono sviluppate più rapidamente. Chiaro, gli manca ancora molto perché hanno seri problemi educativi. Insomma, io penso che Marcos potrà originare, suscitare, stimolare altri movimenti, ma lo zapatismo resterà strettamente indigeno.”

E per lui personalmente, che domani vede?

“Può essere il grande dirigente della sinistra messicana, senza dubbio, se si firma la pace.”

Potrebbe realmente istituzionalizzarsi?

“Sì. Ne sono convinto. E’ l’unico che incontra consenso.”

Ma ha sempre detto che non entrerà nella politica elettorale…

“Può non entrare nella politica elettorale, ma essere un leader in qualunque modo…”

Monsi e un suo assistente