closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
FranciaEuropa

Marsiglia mette al bando la mendicità

Il comune di Marsiglia ha messo fuori legge la mendicità. Non è la prima volta che succede in Francia, ma finora questi decreti municipali che proibiscono di chiedere l’elemosina avevano riguardato delle cittadine turistiche, durante l’estate. E’ la prima volta che succede in una grande città. Il governo, intanto, afferma che i poveri sono diminuiti in Francia (Sarkozy nel 2007 aveva promesso di ridurne di un terzo il numero in cinque anni). I dati del governo (si sarebbe passati da 13,1 milioni di poveri nel 2006 a 11,8 milioni nel 2009) sono contestati dalle associazioni, che si basano sulla loro esperienza quotidiana e sulle cifre dell’Insee, l’Istat francese. Secondo l’Insee, i poveri sarebbero invece in aumento. La differenza sui numeri dipende dal fatto che il Ministero della solidarietà ha preso un indicatore stabile per misurare la povertà, invece l’Insee calcola la nozione di povertà in relazione con il livello di vita generale della popolazione. Secondo Emmaus, in Francia è in crescita il numero delle famiglie che sono sovra-indebitate, c’è un’esplosione del numero delle persone che vivono in strada, cresce il numero di pasti serviti dalle associazioni, come i Resto du coeur, aumentano in particolare i giovani poveri e i senior. Un rapporto dell’Oit (Organizzazione internazionale del lavoro) denuncia la moltiplicazione del numero dei poveri, anche nei paesi ricchi, soprattutto tra i giovani, esploso con il primo assalto della crisi, nel 2008-2009.

  • anna potito

    carità è una delle virtù teologali e non vuol dire elemosina ma amore, amore per l’altro. In tutte le società che sono tali societas è un valore,viene da socius, alleato; che società è quella che vede l’alleanza dei i suoi simili umani? la cosa rerribile è che ci siano tanti poveri.

  • Valter Di Nunzio

    Se uno legge questi dati e crede di incontrare 11 milioni di mendicanti nelle strade francesi ovviamente sarà stupito del contrario: in Francia,credo, come in Italia si intende povero chi ha una capacità di spesa mensile pari o inferiore all’assegno sociale. Considerando la vecchia metafora della torta e considerando che, sia in Italia che in Francia, il 10% delle famiglie possiede il 45% e più del patrimonio e del reddito della società, c’è poco da stupirsi sul numero di coloro che ricevono una fetta di torta molto piccola. Invece il problema dei sindaci che vietano l’accattonaggio a chi è non nella povertà ma nella miseria, interroga molto di più l’intelletto e il cuore di ciascuno di noi. Quante volte la gente “media” si sente infastidita dal solo fatto che qualcuno disturbi il suo tran tran quotidiano, chiedendogli qualcosa? A volte il mendicante può essere “invasivo”, ma è sempre così? I politici fanno il loro mestiere, cercano quindi innanzitutto di farsi rieleggere e se vedessero che certi atteggiamenti, solo apparentemente securitari, non fossero popolari cambierebbero subito rotta. Ma, purtroppo, non è così.