closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Street Politics

Marocco: Settecento migranti tentano di espugnare la «fortezza» Melilla

download

Settecento migranti di origine africana hanno tentato di fare ingresso nell’enclave spagnola di Melilla. Di questi, solo 140 sono riusciti a entrare in territorio europeo. Secondo il ministero dell’Interno spagnolo, gli uomini sono stati portati immediatamente in un centro di accoglienza temporanea dove sono già stipati oltre 1900 migranti, ben oltre la capacità ricettiva del luogo.

Altri 150 migranti sono rimasti bloccati in cima alla recinzione, alta oltre sette metri. Un gruppo di loro ha dato fuoco a vestiti e ha brandito dei manganelli. Dopo qualche ora i migranti sono stati arrestati dalla polizia marocchina, alcuni di loro sono rimasti feriti in seguito al blitz degli agenti, sono stati trasportati in ospedale e curati dalla Croce rossa. Spagna e Marocco sono ai ferri corti per le tensioni al confine. Lo scorso febbraio 15 migranti avevano tentato di raggiungere l’enclave spagnola di Ceuta.

Infine, nonostante le riforme concesse dal monarca Mohammed VI, continua il malcontento nel paese. Il governo marocchino non ha concesso la libertà su cauzione a nove attivisti del movimento 20 febbraio (giorno in cui sono scoppiate le proteste nel 2011). I giovani erano coinvolti nelle contestazioni per le riforme che si sono svolte all’inizio di aprile a Casablanca.