closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
losangelista

Malcolm X: Lutto Infinito

Il figlio e il padre

Il figlio e il padre

Questo e’ il bel post di Jelani Cobb sul blog del New Yorker sulla morte di Malcolm Shabazz,il  nipote di Malcolm X,  la scorsa settimana a seguito di una colluttazione in un bar di Citta’ del Messico. Cobb, professore di studi afroamericani all’universita’ del Connecticut commenta regolarmente sull’esperienza nera in America,   e sulla tragica scomparsa del “primo erede maschio di Malcolm” come lo stesso Shabazz si definiva sul proprio blog, e’ particolarmente eloquente. La scomparsa del 28enne Malcolm Jr. contiene nella sua tragica futilita’ lo struggente rammarico di una morte annunciata, scrive Cobb, ed e’ solo l’ultima  disgrazia a colpire la famiglia di Malcolm X, il “ragazzo povero divenuto dapprima  malavitoso da ghetto, poi detenuto autodidatta, profeta infuocato e infine martire umanista” e una delle voci piu’ incisive della tribolazione dei neri d’America. Per rimanere nell’ambito di Marquez la tragica scia di disgrazie che ha lo ha coinvolto e quella che ha ugualmente colpito la stirpe di Martin Luther King (fratello annegato, madre assassinata)   hanno il sapore delle ereditarie sciagure in 100 Anni di Solitudine. Il padre di Malcolm venne ucciso e gettato sotto un treno da un branco razzista, lui naturalmente venne assassinato a Detroit da elementi Black Muslim sotto gli occhi della moglie Betty e delle figlie. Una di queste Qubilah venne successivamente arrestata con l’accusa di aver cercato di vendicarsi uccidendo Louis Farrakhan, capo degli islamici afroamricani. Malcolm Shabazz era figlio proprio di Qubilah e gia’ all’eta’ di 12 anni al centro di un altra tragedia famigliare: la morte della nonna Betty, vedova di Malcolm X perita in un incendio appiccato dallo stesso ragazzo. Ora quest’ultimo fatto di aparente banale  cronaca nera che cancella simbolicamente e defintivamente la linea patriarcale di Malcolm X e ripropone in qualche modo la dimensione fatale dell’epopea nera in Nordaemerica, come un cicatrice della memoria collettiva che la storia non lascia rimarginare.

Malcolm X e due delle sei  figlie

Malcolm X e due delle sei figlie