closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
losangelista

Lutto fra i Beastie Boys

New York meta’ anni 80: Cookie Puss  partorito dai Beastie Boys a partire  da un jingle demenziale per una torta gelato che passava di notte sulle TV locali,  rimbalzava dai finestrini abbassati ai locali ai marcapiedi. Un oggetto spudorato, irriverente e geniale,  soundscape randagio che ibridava razze e sonorita’ con abbandono. I mingherlini jewish del rap misero a soqquadro l’hip hop  nel suo momento piu’ fertile e sperimentale pollinandolo con riff metallari e bianchissima nerditudine. Quelli che si incazzavano per lo scippo avevano ragione, sicuro, ma allo stesso tempo Fight For Your Right to Party spacchera’ sempre di piu’ di Party for your Right to Fight la risposta militante degli altri geni assoluti dell’epoca,  i Public Enemy. I Beastie sono stati molto di piu’ di una anomala curiosita’: quando qualche anno fa hanno portato a Sundance I Fuckin Shot That! nel concert-movie girato con 50 telecamere distribuite al pubblico, Mike D,  Adam Horowitz, MCA (alias Adam Yauch – regista del film e di molti video della band),  Mix Master Mike e Doug E. Fresh avevano la prorompente energia di vent’anni prima.  Ma  contrariamente a quello che si dice, il rock ‘n roll non e’ immortale e la scomparsa ieri di Yauch stroncato da un cancro a 47 anni  e’ tantopiu’ triste e incongrua per l’incallita, splendida “immaturita’” dei Beastie. Per noi Cookie Puss ha finalmente risposto al telefono e MCA,  infine dorme a Brooklyn.

  • Marco

    Sabotage must also be kept in mind; another breakthrough.

  • nostalgia canaglia

    qui alcune belle foto degli esordi, njoy:
    idealistpropaganda.blogspot.it/2012/05/why-you-see-h.html