closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Ceci n'est pas un blog

Orgogliosamente razzisti

I Salviners sono i fan di Matteo Salvini. Sono coloro che commentano ogni suo post su Facebook o twitter. Il merito di averli creati è di Matteo Salvini molto attivo sui social, dove cerca di avere una interazione con i suoi eventuali elettori, in maniera diretta, come ai leghisti è sempre piaciuto fare. Eppure nonostante i social non credo siano il termometro della società, la pagina FB di Salvini è alquanto inquietante non solo per i contenuti espressi ma soprattutto per il tenore dei commenti che nessuno rimuove perché evidentemente al Salvini stesso fa comodo far sfogare gli istinti bestiali dei suoi elettori o futuri tali.

Partiamo da un presupposto: ogni giorno c’è almeno un post contro i rom e i clandestini. E sottolineo almeno. Il resto è mera cronaca politica o aneddoti della giornata del leader, utili a costruirne il profilo “umano”. Prendiamone uno recentissimo, questo dedicato alla Kyenge, che nonostante non ricopra più incarichi di governo, viene spesso usata dal Salvini come paradigma della “straniera che vuol comandare da noi”: https://www.facebook.com/salviniofficial/posts/10152761702188155

A parte i vari fotomontaggi che ritraggono la Kyenge come una scimmia, del resto pochi giorni fa il Senato ha deciso di non procedere contro Calderoli per aver dato dello scimpanzé alla Kyenge stessa, il resto è un continuo di foto di Adolf Hitler (gettonassimo dai Salviners), Benito Mussolini, a volte Breivik (cazzo Breivik dai, il nazista stragista norvegese) quando non incitano alle “docce” a gas, all’affondare i barconi dei migranti con i cannoni, a bruciare i campi rom e ogni tipo di bestialità possibile e immaginabile: un vero e proprio circo dell’odio, brutale e sgrammaticato. Del resto Salvini e la stessa Lega Nord, sono stati tra i partiti che hanno reso il razzismo una opzione politica. Ed è successo grazie anche al silenzio sia dei media che degli altri “partiti democratici” che spesso hanno sfidato la LN sullo stesso terreno razzista-populista (pensate alle polemiche nel PD per i rom o gli stranieri che votano alle primarie e alle campagne dei sindaci-sceriffo del centrosinistra, come Zanonato a Padova).

Ma il paradigma è proprio in questo post dove Salvini si rivendica di essere “disumano”. Attraverso questo viene sdoganato ogni commento, ogni contenuto e rende fattibile ogni sentimento xenofobo e razzista. Ha promosso una sorta di “racism pride” attraverso quel populismo che ti fa affermare candidamente concetti come “se difendere la propria terra è razzismo allora sono razzista”. Il problema è che il neo razzismo populista leghista, che usa l’islamofobia come clava contro i migranti, sta facendo da traino a tutta la destra ex berlusconiana, che caduto il Re prova a riciclarsi come “nuovo”: ad esempio Giorgia Meloni. Ed è proprio con i Fratelli d’Italia che chiudiamo il piccolo festival degli orrori: Tommaso Foti, romagnolo, che parlando di Isis, Gheddafi e Libia chiudeva così un suo tweet “Ce la avessero lasciata come colonia, oggi magari…”. Ormai vale tutto, anche rivendicarsi le colonizzazioni del Duce.

Il 28 febbraio a Roma, in piazza, per cominciare a fermare la marea nera che avanza.