closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Quinto Stato

L’inattesa vittoria dei docenti disobbedienti all’Anvur. Per ora

mappa protesta università

Una mappa della protesta contro la meritocrazia all’italiana

L’agenzia nazionale della valutazione universitaria della ricerca (Anvur) costretta a riaprire i termini della valutazione degli atenei a causa della clamorosa protesta dei docenti. Un granello di sabbia sembra avere interrotto la macchina schiacciasassi della meritocrazia all’italiana. Ora la palla passa ai “disobbedienti”: continueranno la protesta o aderiranno al 100 per cento alle richieste della burocrazia e dei rettori?

***

La resistenza del 27% dei docenti dell’università di Pisa e del 30 per cento di quelli di Lecce ha costretto l’Agenzia Nazionale per la valutazione della ricerca universitaria (Anvur) a riaprire inaspettatamente le contestate procedure della “valutazione della qualità della ricerca” (Vqr) chiuse il 15 marzo scorso.

Dal 4 al 15 aprile sarà nuovamente possibile “caricare” i materiali mancanti nel sistema informatico. La protesta dei docenti è arrivata alla seconda vittoria, dopo la miniproroga concessa ai rettori della Crui preoccupati per la clamorosa protesta dei docenti e dei ricercatori contro i tagli e un sistema di valutazione che ne aggrava le conseguenze sociali e territoriali. Una prova lampante che un granello di sabbia ha ingolfato la macchina schiacciasassi che sta sconvolgendo l’università italiana. Per il momento.

I manager della moderna burocrazia della valutazione universitaria si erano mostrati sicuri alla chiusura delle procedure e non preoccupati delle conseguenze di una protesta che non ha ricevuto gli onori della cronaca se non su alcuni quotidiani, tra cui Il manifesto, su testate locali e in trasmissioni televisive andate in onda dopo la fine della protesta.

“Il sistema universitario è sano e ha dimostrato di accettare la valutazione, concetto universalmente riconosciuto” aveva detto il presidente dell’Anvur Sergio Fantoni. “Sono contento che gli atenei abbiano scelto di non farsi del male – ha aggiunto il vicepresidente Andrea Graziosi. Sono favorevole alla battaglia sugli scatti d’anzianità [una delle richieste della piattaforma della protesta, ndr.], una semplice ingiustizia subita dai docenti universitari italiani, ma congelare la Vqr non è un’arma, è autolesionismo”.

I valutatori sottolineano il ruolo dei rettori di “alcune università”.Oltre a quelli di Pisa e Lecce ci sono quelli dell’università Napoli Parthenope dove la protesta ha bloccato il consenso Anvur al 73,7%. Reggio Calabria (82,7%), Catania (85,8%), L’Aquila (86,3%), Urbino, Roma Sapienza (86,4%), Brescia (87,1%), Basilicata (87,8%), Pavia (87,9%), Roma Tre (88%), Sannio (89,1%), Genova (89,1%), Siena (89,4%), Cagliari (89,9%), Salerno (90,3%), Messina (90,5%). Poco sotto Milano Bocconi (91%). Grazie al loro intervento, prosegue il comunicato “l’ANVUR consentirà agli atenei che vorranno farlo di conferire i prodotti ancora mancanti da lunedì 4 aprile a venerdì 15 aprile 2016”.

La specificazione successiva è tutta un programma. Ci si rivolge, quasi scongiurandoli, ai docenti “disobbedienti” di “caricare” nell’apposito software le pubblicazioni – nella neo-lingua orwelliana dell’Anvur “prodotti della ricerca”: “Tale possibilità potrà essere utilizzata esclusivamente per il conferimento di nuovi prodotti per soggetti già accreditati, e non per modificare quelli già conferiti”.

In pratica è l’identikit dei docenti che hanno resistito ad ogni forma di pressione, anche quelle improprie, dei rettori e dei responsabili dei dipartimenti, a procedere alla consegna, pena la punizione dell’Anvur con relativo taglio dei fondi. In tempi di definanziamento radicale è uno scenario da far tremare i polsi a tutti. Già gli atenei fanno fatica a tenere accese le luci, vogliamo anche rinunciare a qualche spicciolo per finanziare una borsa di dottorato?

Questo è il dilemma in cui si dibatte una parte – non piccola – dell’università italiana.

La chiusura del comunicato dell’Anvur è significativa. I manager rispondono, indirettamente, a coloro – e sono fior di filosofi, ingegneri, studiosi di ogni disciplina in Italia e non solo – che hanno definito le loro metodologie come “punitive”. “Si ribadisce che la valutazione VQR ha unicamente l’obiettivo di valutare la qualità della ricerca delle Istituzioni e delle loro articolazioni interne, e non si prefigge in alcun modo di valutare i singoli addetti alla ricerca”.

Ora la palla ripassa nel campo dei “resistenti”.

Continueranno ad opporre il loro rifiuto contro un sistema che amplifica le conseguenze dei tagli voluti da Gelmini-Berlusconi e aggravate dalla decisione del governo Renzi di aumentare a dismisura il peso della quota premiale rispetto al fondo di finanziamento ordinario degli atenei? Oppure cederanno all’offerta dell’Anvur, senza peraltro avere ottenuto nulla rispetto alle critiche al suo sistema o alla questione degli scatti di anzianità?

Sono queste le alternative prima del disastro. Nei fatti, l’Anvur ha ceduto alla protesta dei pochi, e coraggiosi, docenti. La #stopvqr ha individuato il punto debole del sistema e ha dimostrato che non è attendibile: un ateneo rinomato nel mondo come Pisa è all’ultimo posto delle classifiche Anvur non per un disastro scientifico, ma per l’inattendibilità della meritocrazia all’italiana.

Tocca ora al movimento dei docenti, alle loro comunità accademiche, agli studenti e ai precari della ricerca in mobilitazione, decidere cosa fare.