closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
FranciaEuropa

L’Humanité: una petizione per il popolo greco

Il quotidiano del Pcf, L’Humanité, propone una petizione a favore del popolo greco. “Bisogna aiutare il popolo greco che non è responsabile del fallimento dello stato – afferma il testo – ma è proprio questo popolo che i mercati finanziari e le istituzioni internazionali vogliono dissanguare”. Il governo francese, che sarà – dopo il voto di stasera – con 16,8 miliardi di euro il secondo paese (dopo la Germania)  a contribuire al prestito alla Grecia, si vanta di “fare un buon affare”: prende a prestito a tassi intorno al 3%, concessi a un paese “solvibile”, per prestare poi ad Atene al 5%. Il Pcf ha deciso di votare contro, perché  

vuole smascherare questa finta “solidarietà” europea. Ci sono stati “prestiti al solo 1% alle banche” nella prima fase della crisi finanziaria,  dice la petizione, “che a loro volta prestano a tassi del 4-8%”. Anche i greci dovrebbero godere degli stessi tassi agevolati, sostiene la petizione de L’Humanité, “senza altre condizioni che il mantenimento dei diritti sociali, dell’occupazione e del servizi pubblici”. Secondo L’Humanité, “tutti i popoli europei sono minacciati da piani di austerità della stessa natura” di quello che ora subiscono i greci. E’ un’altra idea dell’Unione europea, che porta oggi il peso delle scelte neo-liberiste.

Per firmare la petizione: www.humanite.fr

  • jangadero

    SOLIDARIETA’ AL POPOLO GRECO
    possibile che la sinistra sia tanto cieca che non capisce che questo attacco al popolo greco è un altro importante passo della guerra contro i popoli – questa volta tocca ai popoli del sud dell’europa a cui si devono togliere quanto più possibile condizioni di vita dignitose – per arricchire ulteriormente i grandi capitalisti ai quali colpevoli di aver provocato la crisi sono stati concessi finanziamenti praticamente a tasso zero e ai popoli inconpelvoli vengono concessi a condizioni capestro
    una petizione è poco andrebbe indetto uno sciopero di solidarietà anche simbolico di un ora a livello continentale se no poi quando toccherà a noi non ci potremo lamentare della forza dei turbocapitalisti
    p.s. la grecia è la madre della cultura occidentale i greci sono un popolo fiero e lo hanno dimostrato anche nella rivolta di pochi mesi contro la violenza della polizia, se loro non riescono a resistere chi ci riuscirà?

  • Luca

    Vorrei tuttavia ricordare ai compagni del PCF che i loro alleati socialisti sono al potere in Grecia (e sono loro che stanno varando il piano di austerità) e soprattutto che il PS in Francia (coi quali loro cercano in ogni modo l’alleanza nei comuni, nelle regioni e al parlamento nel 2012) ha votato con l’UMP per questo piano europeo che massacrerà i lavoratori greci. Insomma, cari compagni del PCF, al di là delle belle petizioni, un po’ di coerenza: o di qua o di là, o con i lavoratori o con l’Europa liberale.

  • martino

    Bravi, una bella petizione, sforzo minimo, coscienza a posto, ça ne mange pas de pain si dice in Francia. E la mano al portafoglio per i lavoratori greci?