closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
losangelista

LACMA: prove di museo

la-1148862-1207-ca-wilshire026-ls-jpg-20130328

C’e’ fermento su Wilshire boulevard dove il museo d’arte di Los Angeles, LACMA, medita importanti interventi architettonici al campus recentemente ripensato da Renzo Piano che ha cancellato  una strada e aggiunto due edifici e creato una “piazza” centrale, una risistemazione molto apprezzata di un complesso storicamente problematico e caratterizzato da una stratificazione di stili architettonici incompatibili in successivi decenni. Sotto la direzione di Michael Govan, giovane direttore con forte senso dei “fundraising”,  il museo  e’ un gran successo di pubblico e di  bilancio ma stenta tuttavia a trovare un senso progettuale unitario. Dieci anni fa  il compito era stato affidato a Rem Koolhaas il cui progetto prevedeva una demolizione integrale e un nuovo complesso di edifici sotto una “tenda” sospesa. All’epoca non vennero trovati i soldi e si preferi’ l’intervento “limitato” di Piano. L’architetto genovese firmera’ anche un ultima aggiunta – l’atteso museo del cinema sponsorizzao dall’Academy  che dovrebbe anche colmare la penosa lacuna che riguarda la storia dell’industria cui la citta’ deve praticamente l’esistenza. La nuova ala manterra’ la struttura del vecchio edificio May Company che ancora l’angolo sudoccidentale del museo all’angolo di Faifax. Nel frattempo pero’ Govan sta per presentare un nuovo  ambizoso progetto comissionato allo svizzero Peter Zumthor, vincitore del premio Priztker nel 2009. Si tratta come nel caso di Koolhaas di un aggiornamento radicale che prevede la demolizione di quattro grandi edifici costruiti fra gli anni 60-80 che verrebbero rimpiazzati da una nuova  struttura edificata,  piu’ orizzonatale e “leggera” rispetto all’attuale stile “bancario”. Un progetto dal costo di oltre $500 milioni  che al minimo denota un forte ottimismo  di una delle maggiori istituzioni culturali della citta’ che in tempo di crisi sembra disposta ad una spesa enorme per sostituire palazzi parecchio brutti ma nondimeno perfettamente funzionanti.

La Broad Gallery di Renzo Piano

La Broad Gallery di Renzo Piano
ancora Piano: il Resnick Pavillion

ancora Piano: il Resnick Pavillion
l'ala neobabilonese: destinata alle ruspe

l’ala neobabilonese: destinata alle ruspe
l'ex May Co: futuro museo del cinema

l’ex May Co: futuro museo del cinema