closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lo scienziato borderline

La Legge è uguale per tutti, signora Console

image

Una cittadina americana, Colombia Barrosse, ha recentemente avuta pubblicata una lunga intervista su un giornale siciliano. Parlava del MUOS.

La cittadina USA Colombia Barrosse

La cittadina USA Colombia Barrosse

image

Non commento l’articolo, né per i toni, né per i contenuti. L’ho trovato di una noia abissale. Ognuno è libero di esprimere le proprie opinioni, qui in Italia, comunque.

Vorrei soltanto ricordare a questa cittadina statunitense un articolo della Costituzione della Repubblica Italiana. Dato che vive in Italia, sarebbe bene conoscesse i diritti – e doveri – che si hanno, vivendo qui.

La legge è uguale per tutti. Costituzione della Repubblica Italiana, Articolo 3
Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

Qui non siamo nel suo paese, signora. E neppure in una delle vostre colonie o protettorati.

In Italia c’è la Legge. Il suo MUOS è contro la Legge, per tutti i motivi che lei dovrebbe sapere, signora. Ci sono state delle sentenze – nel civile e nel penale – che lo hanno sanzionato. Perché la Legge è uguale per tutti, signora. Anche per i cittadini statunitensi che vivono in Italia. Anche per i governanti italiani, per quanto servi possano essere.

Non ci interessa la sua opinione sulla Legge Italiana e sulle sue Sentenze, signora. La Legge è Legge, e si rispetta. Come? Applicando le sentenze, signora.

Perché chi invoca il contrario, in base a qualunque motivazione – delirante, pretestuosa, arrogante, buonista che possa essere – va contro la Legge, ed è passibile di denuncia e processo.

La Legge è uguale per tutti, signora. Veda di ricordarselo.

image

I commenti sono chiusi.