closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
losangelista

LA – la polizia uccide: scontri

Domenica scorsa la polizia di Los Angeles ha ucciso Manuel Jamines, un immigrato guatemalteco su una strada affollata di Westlake, il quartiere centroamericano della citta’. Come di solito avviene in questi casi la polizia ha dichiarato che gli agenti sono stati costretti a fare fuoco quando Jamines, apparentemente ubriaco ha impugnato un coltello gettandosi contro di loro. L’agente che sparato era precedentemente stato coinnvolto in due episodi simili. Nel primo ha fatto fuoco su una donna che stava insguendo quando questa avcrebbe cercato di afferare un arma. Siccome “continuava a muoversi” dopo il primo colpo Hernandez gli ha sparato ancora quando era a a terra. Nel secondo episodio sotto i colpi di Hernandez era finito un ragazzo  di 18 anni che dopo un inseguimento avrebbe puntato una pistola contro gli agenti. La formula e’ ben nota in tutti i numerosi “incidenti letali” dell’LAPD. La novita’ e’ stata la reazione della comunita’ di immigranti ispanici che da tre giorni organizzano manifestazioni  di protesta degenerati in scontri con la polizia.