closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
losangelista

La Dichiarazione dei 99

E’ stato pubblicato online il manifesto programmatico degli indignati americani per tentare di concretizzare la protesta delle ultime settimane . Frutto del gruppo di lavoro newyorchese di Occupy Wall Street, la dichiarazione indice un assemblea generale nazionale del movimento da tenersi il prossimo 4 luglio a a Philadelphia e stila una lista di 20 rivendicazioni che i delegati partecipanti (due, un uomo e una donna, eletti in ognuno dei 435 distretti elettorlai del paese) dovranno discutere e formalizzare. La lista iniziale di richieste da discutere comprende la moratoria dei pignoramenti delle case, istituzione di regole antispeculative per la finanza, proibizione dei contributi privati alle campagne politiche, finanziamento pubblico dei partiti, un works progress di stampo roosveltiano per stimolare l’occupazione con grandi opere pubbliche, nazionalizzazione del servizio sanitario, restrizioni alle industrie bancarie, petrolifere e farmaceutiche, eliminazione delle agevolazioni fiscali  per le corporation. Il manifesto chiede anche l’estensione delle norme ambientali, sussidi alla pubblica istruzione, ritiro immediato da Iraq e Afghanistan (piu’ personle militare non essenziale stanziato all’estero), sospensione di grandi operazioni militari. I 99%isti non si dicono contrari a riequilibrare il bilancio ma rifiutano di farlo con i soli tagli alla spesa pubblica. Il documento cita come isprazione i committees of correspondence, i governi provvisori istituiti dalle 13 colonie durante la guerra di indipendenza  e anche l’invocazione della costituzione confersice un sapore molto american revolution, un affinita’ quindi tutta americana – almeno nei riferimenti  – al tea party, pur con un programma sostanzialmente “di sinistra”. Se le richieste non verranno prese sul serio dal congresso, dalla casa bianca e dalla corte suprema, i firmatari concludono che il movimento si adoperera’ per la fondazione di un terzo partito politico indipendente con l’intenzione di candidare  rappresentanti “ad ogni carica disponibile” a partire dalle lezioni midterm del 2014.