closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lo scienziato borderline

Indovina chi viene a pranzo a Bologna!

Siete mai stati di recente a Bologna? Se siete passati in via Zamboni, zona universitaria, nei pressi di Economia, potete vedere uno dei murales più belli al mondo.

Luis Gutierrez - Per i 500 anni dalla scoperta dell'america

Luis Gutierrez – Per i 500 anni dalla conquista dell’america

E’ opera di Luis Gutierrez, si chiama “500 anni dalla conquista dell’America”. Luis è un artista internazionale, è nato in Colombia 50 anni fa ma a sta a Bologna da molti decenni. Disegna sui muri per abbellire Bologna.

Domenica prossima, 8 giugno, possiamo anticiparvi cosa accadrà ad un vecchio muro in via Bentivogli del quartiere Cirenaica di Bologna, un quartiere antico, che ha più di 100 anni e conserva molte storie.

Prima della cura

Prima della cura

Il vecchio muro diventerà più o meno così:

Dopo la cura

Dopo la cura

Si chiamerà ‘Il vento’ e raffigurerà una ragazza all’angolo di una strada con i capelli sciolti. Questi, mossi dalla corrente d’aria, formeranno un paesaggio ammirato da un ragazzo posto all’altro angolo. Luis userà pennelli, spray e colori acrilici per questo grande murales in stile messicano con tecnica mista. Lavorerà da solo, perché è velocissimo. Già sabato sarà al lavoro in via Bentivogli per preparare la parete. Domenica sarà possibile per tutti vederlo all’opera. Nell’ambito di un grande evento, cioè “Indovina chi viene a pranzo!“.

Indovina chi viene a pranzo! a Bologna, domenica 8 giugno

Indovina chi viene a pranzo! a Bologna, domenica 8 giugno

‘Indovina chi viene a pranzo’ è la quarta edizione della festa multietnica del quartiere Cirenaica a Bologna. La festa multietnica, resa possibile da una grande rete cittadina di organizzazioni non profit, prenderà il via sin dalle 10 del mattino di domenica 8 giugno con una partita di calcio al Villaggio del Fanciullo (via Scipione dal Ferro 4), per dare “un calcio al razzismo”: in campo la compagnia di ‘W il calcio’ contro una rappresentanza dell’associazione ‘Amici di Piazza Grande’ (capofila dell’evento). La partita sarà dedicata a Stefano Girardi, tra i fondatori di Piazza Grande, morto a meno di 42 anni nell’agosto del 2001. Poi la festa proseguirà proprio in via Bentivogli e dintorni tra stand di cibo etnico, musica, danza, sport.

Circa 1,5 km di strada saranno chiusi al traffico e ospiteranno la festa.
Al mattino, oltre alla partita di calcio, vi saranno Laboratori per bambini: (come si fa un murales, il mio compagno di classe viene da…., trecce treccine treccione, ricicliamo…, scrivere è come disegnare: scrittura in arabo, cinese, tigrino)
A ora di pranzo sarà possibile gustare “cucine dal mondo” (cibi da più di 30 paesi del mondo)
Nel primo pomeriggio, “Balli dal mondo” (Perù Senegal Russia Iran India), Banda Roncati, Malick Kaire e il suo gruppo di musica senegalese. Scuola di Balli africani – lezioni in gruppo per bambini ed adulti. Accompagnamento dei mediatori agli ospiti all’interno delle storie della mostra “Storie dal mondo”.
Sempre nel pomeriggio, continuano i laboratori per bambini gestiti dalle associazioni: treccie treccine, disegno con l’hene, truccabimbi ecc. Visita al murales

Dopo l’aperitivo, partirà in serata il Concerto nella laterale Via Musolesi (trattoria Da Vito, a qualcuno accende una qualche lampadina? E’ la trattoria dove si trovavano sempre Guccini Dalla e tutti gli altri cantautori bolognesi). Sono previsti Francesco Guccini, Luca Carboni e altri cantanti bolognesi.

Insomma, le strade verranno trasformate in festa, attrezzate di centinaia di tavoli e gazebi, per dare vita ad una fiera della convivialità. Migliaia di cittadini passeranno ad ogni angolo di via G. Bentivogli e per le stradine limitrofe, per assaggiare, bere, vedere e parlare liberamente con il mondo dell’associazionismo straniero e italiano. Al centro di questo nuovo happening c’è il cibo e i suoi mille modi di cucinarlo.
Sopratutto c’è la sua magia di mettere assieme le persone. Un’occasione per aprire porte e finestre, per incontrare e promuovere la propria cultura in una zona ricca di tante culture.

Beh, io ci vado con la mia famiglia. Non fosse altro che per riabbracciare due amici che saranno là: Roberto Morgantini e Luisa Morgantini. Vi aspettiamo tutti quanti!

  • Stefania Wolf

    ci saro per roivedere e sentire anche luisa morgantini dopo le elezioni europee