closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Bar Condicio

Incredibile: guardate cosa succede sul blog di Grillo

‘Sconcertante: la strage di Parigi provocata dalle scie chimiche. Qui le prove ‘ non era solo un post contro il complottismo d’accatto, che, ripeto, è ben lontano dal giornalismo d’inchiesta che va oltre le comode verità ufficiali.

E’ stato anche un esperimento. Il titolo, infatti, era palesemente assurdo.

Più che assurdo, una boiata pazzesca.

Eppure proprio il titolo-esca ha stuzzicato migliaia di utenti a cliccare per leggere l’articolo. Tombola! Esperimento riuscito.

Ho preso spunto dalla comunicazione politica del Movimento5Stelle e dai siti che fiancheggiano il blog di Beppe Grillo, Tze Tze in particolare. Geniale veramente, basta un titolo ammiccante accompagnato da un video insulso per sputtanare chiunque.

Il metodo e lo stile sono quelli della videoinchiesta sul giudice Mesiano che costò due mesi di sospensione al direttore di Videonews.

Poche parole chiave come ‘clamoroso’, ‘incredibile’, ‘eccezionale’, qualche puntino sospensivo, tanto per creare un po’ di suspense, e il gioco è fatto. Si mette l’obiettivo nel mirino e bum. Si spara. Pazienza se il pezzo giornalistico poco ha a che fare con il titolo, oppure se questo è palesemente fuorviante.

L’importante è creare un collegamento mentale tra il bersaglio (politico, giornalista o categoria invisa) ed un qualsiasi fatto, sentimento o evento negativo. Tutto il resto passa in secondo piano.

Naturalmente il giochino vale anche al contrario per ‘pompare’ il leader o i propri parlamentari. ‘Guardate come gliele canta’ è il titolo principe.

Magari collegato ad un video di un qualsiasi intervento privo di notizia giornalistica (ma in genere molto colorito, come se usare espressioni forti bastasse a fare politica).

Siamo di fronte ad una nuova categoria: lo psico-giornalismo, o giornalismo d’induzione. Il collegamento tra fatto e persona non esiste, avviene solo nella mente del lettore. Non siamo ancora pronti per la democrazia della rete. Cin!

Ps, scusate se ho utilizzato la stessa tecnica esca in questo titolo. Cin cin!