closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Bar Condicio

Incredibile: guardate cosa succede sul blog di Grillo

‘Sconcertante: la strage di Parigi provocata dalle scie chimiche. Qui le prove ‘ non era solo un post contro il complottismo d’accatto, che, ripeto, è ben lontano dal giornalismo d’inchiesta che va oltre le comode verità ufficiali.

E’ stato anche un esperimento. Il titolo, infatti, era palesemente assurdo.

Più che assurdo, una boiata pazzesca.

Eppure proprio il titolo-esca ha stuzzicato migliaia di utenti a cliccare per leggere l’articolo. Tombola! Esperimento riuscito.

Ho preso spunto dalla comunicazione politica del Movimento5Stelle e dai siti che fiancheggiano il blog di Beppe Grillo, Tze Tze in particolare. Geniale veramente, basta un titolo ammiccante accompagnato da un video insulso per sputtanare chiunque.

Il metodo e lo stile sono quelli della videoinchiesta sul giudice Mesiano che costò due mesi di sospensione al direttore di Videonews.

Poche parole chiave come ‘clamoroso’, ‘incredibile’, ‘eccezionale’, qualche puntino sospensivo, tanto per creare un po’ di suspense, e il gioco è fatto. Si mette l’obiettivo nel mirino e bum. Si spara. Pazienza se il pezzo giornalistico poco ha a che fare con il titolo, oppure se questo è palesemente fuorviante.

L’importante è creare un collegamento mentale tra il bersaglio (politico, giornalista o categoria invisa) ed un qualsiasi fatto, sentimento o evento negativo. Tutto il resto passa in secondo piano.

Naturalmente il giochino vale anche al contrario per ‘pompare’ il leader o i propri parlamentari. ‘Guardate come gliele canta’ è il titolo principe.

Magari collegato ad un video di un qualsiasi intervento privo di notizia giornalistica (ma in genere molto colorito, come se usare espressioni forti bastasse a fare politica).

Siamo di fronte ad una nuova categoria: lo psico-giornalismo, o giornalismo d’induzione. Il collegamento tra fatto e persona non esiste, avviene solo nella mente del lettore. Non siamo ancora pronti per la democrazia della rete. Cin!

Ps, scusate se ho utilizzato la stessa tecnica esca in questo titolo. Cin cin!

  • xava88

    Se Wanna Marchi lo avesse saputo che la tecnica di PeppeKrillo funzionava così bene a quest’ora sarebbe ricca insieme a Do Nascimento, guadagnando soldi tramite link populisti

  • tao

    ma non capite un caz*o davvero o lo fate apposta?

  • Gabriella Petteruti

    E’ vero, ci sono cascata anch’io e ci sono cascata un paio di volte anche con il blog di Grillo, ma quando ho capito il giochetto ho evitato di leggere altri articoli, alcuni dei quali probabilmente interessanti. Per favore non fatelo pure voi del Manifesto, altrimenti finirò di leggere anche i vostri. 😉

  • Paolo Maggio

    Per fortuna ci sono i grillini tuttologi, unici Puri al seguito dei Messia che salverarannoil Paese

  • Zagor

    Quindi non sono state le scie chimiche a compiere la strage di Parigi? Come si fa ad aver fiducia di voi?

  • Maurizio Piano

    Invece io credo che molti siano stati anche i lettori che, come me, sono entrati nell’articolo proprio immaginando fosse un pezzo ironico…
    avessi letto quel titolo in un post del sito di grillo o di tze tze, per dire, avrei sicuramente pensato fosse roba ‘seria’, si fa sempre per dire, ma visto che era un post del Manifesto sapevo si trattava di una roba ironica atta a prendere in giro il complottismo dilagante…

  • José Palermo

    Invece questo è un titolo serio? Vale quanto le scie chimiche, ma se lo dice Repubblica… La verità è che tolto il Manifesto e pochi altri pochissimi giornali stanno rinunciando ai soldi facili del clic in nome della corretta informazione.

    http:// m.repubblica.it/mobile/r/locali/torino/cronaca/2014/01/14/news/torino_s_alla_cannabis_libera_e_la_prima_tra_le_grandi_citt-75875712/

  • Christian Dalenz

    io non sono d’accordo. Prima di seguire con attenzione le notizie pubblicate dalla pagina di Beppe Grillo e di quella di Tze Tze la pensavo come voi; dopodiché col tempo ho potuto verificare che le notizie sono sempre vere, ci fanno attenzione. Semmai si potrebbe criticare che spesso vengono date notizie vecchie, che vengono ripetute informazioni già sentite varie volte, o che a volte viene, attraverso il titolo, di molto esagerato il contenuto (comunque vero) del link; e tutto ciò, possiamo dirlo, viene sicuramente fatto perchè si tratta di pagine che puntano alla propaganda politica, non all’informazione apartitica. Mai ho visto titoli con un’esagerazione quale, esemplificando, “le scie chimiche hanno causato il crollo delle Twin Towers l’11 settembre 2001”.

  • il compagno Sergio

    Se siete a questo, siete alla frutta.
    Andate direttamente sul blog di Nonna Papera!

  • Christian Dalenz

    ma cosa vuoi? è il mio punto di vista

  • Fabio

    Incredibile: ecco la barzelletta di Archinà che ha fatto tanto ridere Vendola al telefono

  • StripedCat

    Incredibile che a queste persone sia garantito il diritto di voto benché manchino del 98% delle qualità che separano l’uomo dal resto del regno animale, in nome di un corrotto e stuprato principio di uguaglianza universale spacciato per vera democrazia.

    Non mi pare che un contadino abbia voce nella gestione di un impianto idroelettrico, non capisco per quale ragione individui letteralmente e palesemente incapaci di usare pensiero critico, raziocinio, capacità di giudizio e visione d’insieme dovrebbero avere il diritto di mandare in malora la cosa pubblica con le loro scelte dissennate.
    Questa è la perversione, la prostituzione della democrazia occidentale moderna, ricordo che la dittatura delle masse è pur sempre dittatura, benché oggi la si chiami democrazia e “uno vale uno”.
    Se la nave rischia di affondare io non voglio che siano i passeggeri a votare sul da farsi, io voglio che siano il capitano e tutto il suo preparato equipaggio a decidere cosa fare. Preferisco arrivare a casa salvo, portato dal capitano, che morire a causa della mia ignoranza.
    Questo evidentemente non fa parte della logica del “democratico” moderno.
    Finché a persone che si fanno perculare da un titolo e un video montato ad arte verrà concesso il diritto di valere quanto un essere umano dotato di pensiero critico, non ci sarà alcuna speranza di navigare in acque migliori.

  • Dario Sardella

    excusatio non petita…

  • Giuseppe Lana

    Il problema dei titoli ammiccanti e fuorvianti e del giornalismo da spiaggia coinvolge purtroppo non solo i blog legati al Movimento 5 Stelle ma molti giornali e testate giornalistiche on line. Il nuovo sistema di comunicazione ci mette di fronte al problema di mettere in mostra la notizia tra milioni e miliardi di notizie. Scorrendo sulla home di Facebook, tra milioni di notizie e post, ci si ferma alla lettura di un titolo shock, breve, improbabile ma incisivo, così si clicca sul link e il furbo giornalista/blogger ha raggiunto il suo obiettivo. Questa è purtroppo la nuova frontiera di un “giornalismo” senza scrupoli, malato e corrotto che non fa altro che far leva sull’ignoranza e la stupidità del popolo del web.