closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Rovesci d'Arte

Il teatro greco di Siracusa? Una pista per macchine da parata

Il “Giornale dell’arte” riprende un appello girato in rete e racconta l’incredibile:  a Siracusa, nel bellissimo teatro greco, c’è stata una parata di macchine. Hanno acceso i motori

, rombato forte e via su e giù per gli scalini. Proprio così, dentro il teatro antico. E ai turisti che avevano pagato il biglietto è stato negato l’accesso al monumento, altrimenti rischiavano di andare sotto con quel traffico…«Uno sfregio insopportabile per un monumento eccezionale: Il palco di pietra del Teatro greco di Siracusa diventato pista automobilistica…» ha detto Flavia Zisa al Giornale dell’arte, archeologa e docente dell’Università Kore di Enna. Il fattacio è successo il 12 ottobre scorso ed era stato pubblicizzato così: «I partecipanti alla Targa Florio avranno per l’occasione la possibilità di arrivare con l’auto ai piedi delle rovine dopo aver attraversato il parco Neapolis». si sono mobilitati  i Verdi locali e sono piovuti gli appelli di intellettuali, cittadini e comitati, anche dall’estero: si chiede che si dimetta chi ha permesso lo scempio che ha del surreale. Non vorremmo poi che qualcuno prenda questa iniziativa a modello e trovarci con le motocross al Colosseo (le gradinate lì promettono salti prodigiosi)

  • Luisa

    Vergognoso!!!
    Il nostro Teatro Greco non si tocca! E’ una vergogna che sia stata permessa una cosa simile!
    Lì una volta ci recitavano i greci! Ci hanno recitato grandi attori e autori dei nostri tempi! Ci si svolgono le rappresentazioni greche ogni anno! E’ visitato da centinaia di turisti ogni giorno!
    Lì! In quel Teatro ci è stato Epicarmo! L’Inventore siiracusano dell’Antica Commedia Greca!
    Tanta storia e cultura non può essere violata dalla malapolitica e dall’inettitudine degli amministratori!
    Il Parco Archeologico della Neapolis (tra i più grandi d’Europa) non può essere violato e sfregiato da marmitte di macchine e parate automobilistiche solo per compiacere quattro snob che pur di far bella figura in città si venderebbero anche i monumenti millenari!!!
    Sono dei vigliacchi stupidi e incapaci. Mandiamoli subito a casa e facciamoli pagare una multa salata per avere oltragiato un luogo protetto e delicato ed assolutamente prezioso e dal valore inestimabile.
    Politici siracusani a casa!!! Avete finito con la vostra inefficienza e vergognosa maleducazione.
    Vogliamo cambiamento! I cittadino onesti aretusei e il loro patrimonio storico-artistico-culturale che l’Unesco ha dichiarato già Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Meritano di essere tutelati e protetti da certi idioti senza cervello.
    Vergogna, che non si ripeta mai più una cosa simile.