closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
in the cloud

Il manifesto non chiude e rilancia – il comunicato ufficiale

Il ministero per lo Sviluppo economico ha avviato la procedura di liquidazione coatta amministrativa della cooperativa editrice il manifesto. Ma il giornale resta in edicola e rilancia.

Questa procedura particolare – alternativa alla liquidazione volontaria e riservata tra gli altri alle cooperative – cautela la cooperativa da eventuali rischi di fallimento.

E’ il momento più difficile della storia quarantennale de il manifesto.

La decisione

di non opporsi alla procedura indicata dal ministero si è resa inevitabile dopo la riduzione drastica e retroattiva dei contributi pubblici per l’editoria non profit. Nonostante le promesse di intervento fatte dal presidente del consiglio Mario Monti e l’esplicita richiesta in tal senso del presidente della Repubblica, a oggi nessuna soluzione è stata trovata.

La cooperativa editrice del quotidiano lancia una campagna straordinaria a sostegno del giornale e convoca una conferenza stampa presso la sede di via Angelo Bargoni 8 a Roma per domani alle 14.

il collettivo del manifesto

Tutti gli aggiornamenti su www.ilmanifesto.it,  www.facebook.com/ilmanifesto e twitter @ilmanifesto2012

  • Stefano

    Ma perchè tenere in vita con denaro pubblico giornali senza lettori? Per conservare la “voce”? Per questo il web è sufficiente, e praticamente a costo zero.

  • http://www.matteobartocci.it Matteo Bartocci

    1. perché dici “senza lettori”?

    http://giornalaio.files.wordpress.com/2010/07/bilancio-2009-manifesto.jpg

    I ricavi da vendite del manifesto sono del tutto rispettabili (nel bilancio 2010 sono di meno ma la sostanza non cambia).

    2. ti dice niente “monopolio televisivo della pubblicità”?

    3. il corriere della sera è un ottimo giornale, ha molti lettori e molta pubblicità. Ma quanti debiti ha? Vedi qui: http://www.vip.it/tutti-i-debiti-del-gruppo-rcs-corriere-della-sera/

    Solo che lì ci sono azionisti che ripiantano le perdite. Nelle cooperative no. Lo stato concede rimborsi, non “rendite”. Ci sono i truffatori, anche in questo campo ci sono i truffatori. Come nei partiti, nelle aziende, ovunque. Ma se un falso cieco truffa l’Inps abolisci l’Inps?

    Nell’editoriale di oggi del manifesto (http://www.ilmanifesto.info) puoi trovare una traccia per rispondere alle tue perplessità. Il punto è esattamente il mercato. La presenza sul mercato del manifesto muta la natura del mercato. Se il manifesto c’è, è un varco, una possibilità, uno strumento a disposizione di altri per cambiare lo stato di cose presente.

    Sennò vorresti sostenere che McDonald’s è il miglior ristorante del mondo perché vende tanti panini?