closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
FranciaEuropa

Il Fronte nazionale bloccato per 550 voti

E’  successo nella cittadina di Hénin-Beaumont, nella regione Nord-Pas-de-Calais. Domenica ha avuto luogo il secondo turno dell’elezione del sindaco, precipitata dall’arresto del primo cittadino, un socialista, che è finito in carcere per corruzione. Al primo turno, il Fronte nazionale, con Marine Le Pen (la figlia di Jean-Marie) numero due sulla lista, era arrivato in testa con il 39%. Per una settimana, ci sono state trattative tra tutte le altre formazioni politiche per formare un (laborioso) fronte repubblicano, che alla fine l’ha spuntata, ma solo per 550 voti. L’indipendente di sinistra, Daniel Duquenne, è stato eletto con il 52,38% dei voti.

Ma questa elezione riporta il Fronte nazionale sulla scena politica francese, dopo che sembrava fosse scomparso nel 2007, fagocitato da Sarkozy. Adesso Marine Le Pen pensa alle regionali del 2010 e, già, alle presidenziali del 2012, dove sarà molto probabilmmente candidata dopo aver conquistato la testa del Fronte nazionale, come successore del padre. Hénin-Beaumont è nell’ex zona delle miniere, dove una popolazione impoverita, tradizionalmente di sinistra, si sente abbandonata dalla gauche. La disoccupazione è molto alta. Il Fronte nazionale, che ha messo un po’ in sordina con Marine Le Pen i tradizionali discorsi xenofobi e violenti, adesso punta sulla crisi economica per prosperare. A livello locale, è stato favorito dalla crisi morale che ha travolto l’ex giunta comunale. A favore del fronte anti-frontista era sceso in campo, la scorsa settimana, anche l’attore Dany Boon, che aveva invitato a votare “per la tolleranza e il rispetto dell’altro”. Ma Marine Le Pen aveva ridicolizzato questo intervento “di un miliardario che vive a Los Angeles” e che non ha più nulla a che vedere con la sua regione di origine (che lo ha reso famoso con il film Bienvenue chez les ch’tis).  Tra i due turni, anche se alla fine ha perso per un soffio, il Fronte nazionale ha guadagnto un migliaio di voti tra i due turni. Il risultato è una cittadina spaccata in due, dove la violenza emerge: il neo-sindacao, Daniel Duquenne, è stato aggredito ieri sera da sconosciuti, che gli hanno gettato addosso dei gas lacrimogeni.  E il Fronte nazionale contesta il voto: ha deciso oggi di sporgere denuncia per cercare di strappare in trubunale la vittoria che le urne gli hanno negato per un soffio.

  • Mauro Pigozzi

    …strano che un socialista venga arrestatoper corruzione…

  • Tiziana

    La Francia é un paese civile: A bloccare il Fronte Nazionale ci si é messo pure Sarkozy: la destra francese sa che s’é a democrazia, che cos’é il razzismo, che cos’é il fascismo. Niente a che vedere con la destra clerical-fascista italiana che ha sdoganato gli ex-fascista ed é alleata con gli shameless xenophobes della lega Nord (la definizione é del new York Times).