closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Rovesci d'Arte

Il fotografo di Martin Luther King

Un fotografo in strada, fra i gas lacrimogeni, in fuga

dai cani dei poliziotti, con l’obiettivo puntato sui tumulti di chi protesta. E’ Charles Moore, reporter statunitense, classe 1931, morto all’età di 79 anni. Ex marines prese in mano il suo destino studiando all’Istituto Brooks di fotografia, in Santa Barbara, California. Fu «Life» per prima a dargli una credibilità e uno stipendio a contratto. Moore è celebre per aver immortalato le manifestazioni per i diritti civili e se molti americani hanno un’immagine fissa in mente delle sommosse a fine anni Cinquanta e inizi anni Sessanta, probabilmente è a lui che possono fare riferimento. E’ suo lo scatto che documenta l’arresto di Martin Luther King, nel 1958 per vagabondaggio. Qui, il leader del movimento black viene bloccato con una certa brutalità da due agenti bianchi. King sarà uno dei suoi soggetti preferiti nel corso degli anni – ne documentò praticamente la nascita politica – poi ci sarà la guerra civile nella Repubblica Dominicana, le violenze a Haiti, il conflitto in Vietnam. Famose anche le immagini della Children Crusade di Birmingham in Alabama quando i dimostranti vennero «annaffiati» dai vigili del fuoco per essere dispersi. Ogni tanto, forse per rilassare i nervi, fotografò paesaggi, moda e collezionò scatti turistici.

  • http://www.traslochi.net/ trasloco

    Cercavo info sulla rete relative a Charles Moore, purtroppo però in italiano c’è ben poco. Potete aiutarmi?