closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Ceci n'est pas un blog

Il buco dell’acqua del PD

Piccola digressione tecnica sui fatti di Acea. Un paio di giorni fa Virginia Raggi, candidata del M5S alla poltrona di sindaco ha annunciato un cambio del management di ACEA nel caso dovesse vincere la corsa al Campidoglio. Si può essere d’accordo o meno ma i fan di House of Cards dovrebbe conoscere lo Spoil System. A seguito della dichiarazione di Raggi, Equita, la società di intermediazione mobiliare di Alessandro Profumo (sì, lui), cambia il giudizio sul titolo Acea da BUY (comprare) a HOLD (non fare nulla) ed il titolo subisce nella giornata di mercoledì un calo di oltre il 4%. Il giorno successivo su Il Messaggero, quotidiano di Caltagirone che di Acea detiene il 15,85% , esce un editoriale di fuoco in cui si accusa Raggi di aver fatto “perdere ai romani 71 milioni di euro”. Come si arrivi alla cifra non è chiaro, ma poiché il Comune di Roma (noi, quando gli pare) detiene il 51% di Acea allora ci tocca accollarci metà della perdita stimata dagli autori dell’articolo (142 milioni di euro).

Da qui in poi parte il “daje alla Raggi” su Twitter, guidato dall’intero apparato del PD: Orfini, Giachetti, Nicodemo, Esposito (cercate hashtag #RaggiAmari). Quante ciclabili, asili, parchi, mense, scuole e chi ne ha più ne ha più ne metta si sarebbero potute fare con quei 71 milioni che sono “andati in fumo”. Ecco il problema sta tutto qui: la borsa non brucia, e di converso non crea, nulla. E’ il luogo dove avviene lo scambio, esattamente come al mercato. Se il numero di persone che vuole comprare un bene è maggiore di quelle che vogliono vendere il prezzo sale, nell’altro caso il prezzo scende. Ma se un giorno la borsa “brucia” 71 milioni ed il giorno dopo il titolo risale (come ha fatto Acea ieri, +1,18%) i soldi che fanno risorgono? le ceneri tornano a comporre banconote? Ce li mandano a casa? Va bene che è Pasqua, ma mi sembra troppo.

Certo se nella giornata di giovedì il Comune di Roma avesse liquidato per intero la sua quota, e se il prezzo di vendita fosse stato inferiore a quello di acquisto, banalizzando un po’ il termine acquisto per una ex 100% comune, allora si sarebbe potuta calcolare una perdita effettiva, ma visto che questo non è avvenuto di cosa stiamo parlando? Sarebbe come dire che, dati di ieri, dall’avvento del Governo Renzi la borsa ha perso 1,38%  e quindi se faccio 1,38% di 523205,44 miliardi, la capitalizazione totale della Borsa di Milano a gennaio 2015, ottengo una perdita di oltre 7,2 miliardi. Immagino che gli autori dell’articolo su Il Messaggero abbiano fatto una casa del genere: ecco una cosa così non ha nessun senso, è puramente strumentale e può prendere piede solo in un paese finanziariamente analfabeta come il nostro.

A voler pensar male (non è che ci piaccia particolarmente) è evidente che si sta preparando una campagna verso la definitiva delegittimazione del referendum dell’acqua del 2011. Già giorni fa, importanti esponenti e comunicatori del PD, spiegavano che NOI non avevamo capito fino in fondo quel referendum, che non andava verso un’acqua completamente pubblica. Ed è anche vero che quel referendum non vieta la gestione mista. Ma dovrebbero ricordare, del resto se non lo ricordano loro che sono ceto politico e che fanno questo nella vita, che tutta la campagna (su cui il PD di Bersani salì all’ultimo costretto da una base che raccoglieva le firme) andava proprio verso un percorso di ripubblicizzazione dell’acqua ed era una battaglia tutta politica che univa i vari comitati da nord a sud. Quindi non possiamo che pensare anche dietro questa ridicola campagna di accusa alla Raggi (che non ci interessa difendere personalmente né promuoverla politicamente) ci sia la volontà di creare quel clima di inevitabilità prima che lo Sblocca Italia della Madia si metta in moto. Perché quel decreto, come spiega Marco Bersani del Forum Acqua Bene Comune: ha fra gli obiettivi a breve termine “la riduzione della gestione pubblica ai soli casi di stretta necessità”, mentre sono obiettivi di lungo periodo: “garantire la razionalizzazione delle modalità di gestione dei servizi pubblici locali, in un’ottica di rafforzamento del ruolo dei soggetti privati e “attuare i principi di economicità ed efficienza nella gestione dei servizi pubblici locali, anche al fine di valorizzare il principio della concorrenza.

Ma davvero questo ceto politico pensa che siamo tutte e tutti così coglioni?

  • Alberto Bernocchi

    Si!! Lo pensa.

  • Massimo Lazzari

    Beh, se continuano a votare PD pensando che sia un partito di Sinistra, sì, molti italiani sono dei coglioni.

  • Giangio

    “Ma davvero questo ceto politico pensa che siamo tutte e tutti così coglioni?”
    La risposta è
    “la maggior parte degli italiani si informa guardando la tv e non approfondisce la notizia”
    Tantissimi avranno sentito la notizia sulla Raggi che ha fatto perdere ai romani 71 milioni di euro e tanti c’avranno creduto.
    Il Messaggero e il Pd hanno fatto circolare una bugia ma a loro questo interessava: tanto la verità non verrà mai raccontata nei tg quindi il loro scopo è raggiunto.
    Quanto elettori di Roma avranno letto questo o altri articoli simili? 10.000? Magari…